MotoGp, Iannone fiducioso: “ecco come ho ritrovato il feeling”

SportFair

Andrea Iannone ritrova il sorriso: le sensazioni del pilota Suzuki dopo lo splendido secondo tempo nelle FP3 del Gp del Qatar

E’ terminata anche la terza sessione di prove libere del Gp del Qatar di MotoGp. Maverick Vinales si è ancora una volta piazzato al primo posto, col miglior tempo, mentre il suo compagno di squadra, Valentino Rossi, ha avuto ancora una volta difficoltà, proprio nel momento del time attack, ma è riuscito a salvarsi per un pelo ed accedere direttamente alla Q2.

LaPresse/XinHua
LaPresse/XinHua

Ottima la prestazione di Andrea Iannone, che dopo alcuni giorni di difficoltà è riuscito a ritrovare il sorriso, piazzandosi al secondo posto, alle spalle di Vinales: “eravamo preoccupati si, dall’ultimo test abbiamo iniziato ad avere preoccupazioni grandi, abbiamo provato a fare di tutto a migliorare la situazione all’avantreno e non ci siamo riusciti. Dall’inizio dell’anno abbiamo cambiato solo una cosa materiale, sfiniti siamo tornati indietro ad una soluzione vecchia e questa cosa qua mi ha fatto tornare il feeling, e quando ritrovi il feeling spingi, vai sempre più forte. Dall’Fp2 all’Fp3 la moto è migliorata, va più forte è costante, sono abbastanza contento per adesso“, ha dichiarato il campione di Vasto ai microfono di Sky Sport.

andrea iannoneVenendo da una moto molto veloce come la Ducati ho sempre l’impressione di guidare una moto che vada piano anche se in realtà non è così. Il nostro problema riguarda il modo migliore per scaricare a terra i cavalli che abbiamo a disposizione“, ha aggiunto il pilota Suzuki a Motorsport.com

Al momento credo che non abbiamo ancora un passo gara competitivo con i migliori, ma abbiamo comunque migliorato notevolmente la moto e questa è la cosa più importante. Potremo sfruttare ancora la serata di domani per progredire ulteriormente e chiudere il divario da chi ci sta davanti. Abbiamo lavorato molto per migliorare il mio feeling con l’anteriore dato che mi si chiudeva molto, non solo nel corso delle prime Libere ma anche durante i test. Adesso posso ritenermi soddisfatto delle sensazioni provenienti dall’anteriore, ma dobbiamo focalizzare i nostri sforzi sul posteriore“, ha concluso.