LaPresse/Spada

Stevan Jovetic alza la voce e parla della sua avventura al Siviglia e dei suoi trascorsi all’Inter: “De Boer e Pioli non credevano in me”

LaPresse/EFE
LaPresse/EFE

Inter, che stoccata Jovetic – Da incompreso all’Inter a punto fermo del Siviglia. Una metamorfosi, quella di Stevan Jovetic, iniziata nel corso del mercato di gennaio con il trasferimento in Spagna: “Non è facile arrivare da sei mesi dove si gioca poco e giocare ogni tre giorni, ma mi sento bene, sono felice, i compagni mi hanno accolto bene e voglio sfruttare questa occasione. Non ero preso in considerazione da De Boer e Pioli? Non è bello a livello mentale, ma così devi lavorare tanto e credere in te stesso. Se gli altri non credono in te non è importante. Gli altri possono credere o no in te, ma se non ci credi tu è finita. Si è visto con la Nazionale: non ho giocato per due mesi, sono andato in Nazionale e ho segnato. Mi piacerebbe che il Siviglia esercitasse l’opzione per me; mi sento bene qui, sono felice e spero di rimanere”.