• LaPresse\Cosima Scavolini
    LaPresse\Cosima Scavolini
  • LaPresse/ Gian Mattia D'Alberto
    LaPresse/ Gian Mattia D'Alberto
  • LaPresse/ Gian Mattia D'Alberto
    LaPresse/ Gian Mattia D'Alberto
  • Lapresse\Virginia Farneti
    Lapresse\Virginia Farneti
  • Lapresse\Virginia Farneti
    Lapresse\Virginia Farneti
  • LaPresse\Virginia Farneti
    LaPresse\Virginia Farneti
  • LaPresse\Cosima Sscavolini
    LaPresse\Cosima Sscavolini
  • Lapresse\Virginia Farneti
    Lapresse\Virginia Farneti
/

Riccardo Cucchi, storico giornalista di Radio 1, ha lasciato la trasmissione ‘Tutto Il Calcio Minuto per Minuto’ con un commovente addio dopo aver commentato Inter-Empoli

LaPresse/ Gian Mattia D'Alberto
LaPresse/ Gian Mattia D’Alberto

Riccardo Cucchi ieri ha lasciato la trasmissione sportiva ‘Tutto il Calcio Minuto per Minuto’. Lo storico giornalista sportivo ha raccontato Inter-Empoli, gara valida per la 24ª giornata di Serie A. La partita è finita 2-0 per i nerazzurri con i gol di Eder e Candreva. Filippo Corsini negli ultimi minuti di trasmissione ha lasciato al giornalista il commento finale della partita. Cucchi con grande stile e grande emozione a fine match ha ringraziato tutti i collaboratori di Radio 1 con cui ha lavorato: Sergio Zavoli, Guglielmo Moretti e Roberto Bortoluzzi, ovvero gli ideatori di Tutto il Calcio Minuto per Minuto.

Tutto il Calcio’ ha 57 anni, ma è una trasmissione ancora giovane e bella che durerà a lungo. Grazie alla Rai per le opportunità che mi sono state concesse“. L’ultima frase di Cucchi fa capire l’amore verso Tutto il Calcio Minuto per Minuto e soprattutto la sua grande professionalità. Divertente è stata però la sua chiosa: grazie a te Filippo (Corsini, ndr) cedo a te la linea ancora una volta e questa volta è davvero tutto!

striscione Riccardo CucchiUn addio che lascerà un grande vuoto agli amanti della radiofonia ai quali mancheranno i suoi commenti durante le azioni. Ogni azione, ogni gol, ogni minimo episodio veniva raccontato con un linguaggio linguaggio forbito e con competenza. Riccardo Cucchi ha lavorato insieme a mostri sacri come Ameri, Provenzali, Ciotti e Repice. Gli amanti della radiofonia italiana sportiva riconoscono la sua voce dal 1994, quando cominciò a commentare le partite della Nazionale Italiana. Celebri le sue radiocronache scandite con metodologia e con grande interazione verso il microfono. Riccardo Cucchi è il giornalista che ha commentato il famoso scudetto in ritardo nella stagione 1999-2000 e soprattutto il trionfo dell’Italia nei mondiali di Germania nel 2006. I tifosi dell’Inter gli hanno dedicato uno striscione per ringraziarlo per le sue grandi telecronache.

Radio1 Sport ha omaggiato Riccardo Cucchi con un video meraviglioso con tutte le sue migliori telecronache sia del Campionato di Serie A e soprattutto le emozionati parole dopo la vittoria dell’Italia ai mondiali di Germania 2006: “è un calcio di rigore fondamentale… RETE RETE! CAMPIONI DEL MONDO! CAMPIONI DEL MONDO!“, parole che ancora oggi fanno emozionare tutti. Questo è stato Riccardo Cucchi, un uomo di sport che parlava di sport.