/

Sull’Olimpia delle Tofane, una delle piste più emozionanti e storiche del panorama sciistico, si stanno svolgendo le prove di Super G, Slalom Gigante e Slalom Speciale della FIS Masters Cup, organizzata dall’altrettanto storico Sci Club 18

Il conto alla rovescia è terminato. Oltre 300 atleti provenienti da ogni angolo del mondo sono arrivati a Cortina d’Ampezzo per un fine settimana di grande sci nello scenario incantato delle Dolomiti. La pista Olimpia delle Tofane, una delle più apprezzate nel panorama agonistico dello sci, sta ospitando in questo weekend – da oggi24 febbraio a domenica 26 febbraio – la FIS Masters Cup, organizzata dallo Sci Club 18 e sponsorizzata da Audi e Reale Mutua Assicurazioni. Tre le specialità che impegnano i partecipanti: il Super G, lo Slalom Gigante e lo Slalom Speciale, per tre giorni di adrenalina sulle piste.

Ai cancelli di partenza, atleti di ben 24 paesi: molti gli europei – Francia, Germania, Cechia, Slovacchia, Austria, Svizzera, Croazia, Slovenia, Polonia, Ucraina, Gran Bretagna, Danimarca, Norvegia, Estonia e Finlandia – che si uniscono a rappresentanti di Stati Uniti, Cile, Russia, Canada, Israele.

I partecipanti sono suddivisi in base alle fasce anagrafiche, dai 30 anni – compiuti entro il 2016 – in avanti. Scorrendo l’elenco degli iscritti, ecco la prima sorpresa: il concorrente più anziano ha festeggiato l’anno scorso 85 anni. Per una felice combinazione, è nato lo stesso anno dello Sci Club 18. Nel 1930, 18 studenti sciatori decisero di fuoriuscire dal GUF (Gruppi Universitari Fascisti), e contribuirono alla storia dello sci: dai tempi di Eugenio Monti, il “rosso volante” del bob, a Piero Caruffi, tra i fondatori, ai tanti atleti nazionali – compreso Adriano Guarnieri, portabandiera della nazionale alle Olimpiadi, nel 1936 – fino ai tempi più recenti, con la celeberrima Isolde Kostner e poi con la campionessa italiana Sofia Pizzato. Tesserati allo Sci Club 18 sono anche il presidente del CONI, Giovanni Malagò, e Luca Montezemolo.

I tre giorni della FIS Masters Cup sono l’occasione, per tutti i partecipanti, di scoprire la doppia anima del club: quella sportiva, naturalmente, ma anche quella “conviviale” e mondana, che contraddistingue una delle realtà più vivaci e partecipate di Cortina d’Ampezzo.