Cristian Gabarrini spiega il lavoro che si sta effettuando in casa Ducati per migliorare la guida di Jorge Lorenzo

Manca sempre meno alla stagione 2017 di MotoGp. I piloti hanno già regalato le prime emozioni a tutti gli appassionati, scendendo in pista per le prime due sessioni di test invernali. L’esordio stagionale si avvicina quindi sempre più e prima del Gp del Qatar del 26 marzo i campioni potranno disputare un’ultima sessione di test, proprio sulla pista della prima gara dell’anno.

Marquez cercherà di confermarsi, Vinales e Lorenzo invece andranno a caccia di ottimi risultati in sella alle loro nuove moto, mentre Rossi andrà ancora una volta in cerca del suo decimo titolo.

Il maiorchino, a Phillip Island, è riuscito a trovare il sorriso solo nell’ultimo giorno di test, ma tante sono ancora i punti su cui lavorare in casa Ducati per rendere la guida di Loreno perfetta.

gabarriniL’ex pilota Yamaha ha spiegato di sentire la sua moto molto nervosa in pista in Australia e che senza alette la Desmosedici Gp è penalizzata. Si lavora quindi duramente per “accontentare” lo spagnolo all’interno del team di Borgo Panigale.

Abbiamo lavorato per trovare il set-up giusto. Alla fine è stato importante che Jorge si sia trovato bene così possiamo essere positivi per il futuro e la prima gara. C’era molto vento in Australia, ma abbiamo avuto tutti le stesse difficoltà, è molto difficile capire se la direzione che si sta percorrendo per sviluppare la moto sia giusta o meno”, queste le parole di Cristian Gabarrini a MotoGp.com

jorge lorenzoCerte cose hanno a che fare più con lo stile di guida. Stiamo parlando di due moto diverse. Dopo tanti anni di Yamaha Lorenzo ha assimilato quel modo lì di guidare. Naturalmente stiamo facendo del nostro meglio per migliorare la moto e aiutarlo in maniera più veloce. Credo sia stato un vero peccato che non abbiamo potuto vedere all’opera le gomme morbidi al mattino, erano le condizioni ideali”, ha aggiunto il capo meccanico Ducati.