Oli Bayliss e l’esordio nella SuperSport: il giovane pilota racconta le sue sensazioni, e svela il nome del suo pilota preferito

La stagione motoristica 2017 sta per iniziare. Non solo F1 e MotoGp, ma anche Moto2, Moto3 e via dicendo. Tra le categorie minori c’è anche l’Australian SuperSport300, nel quale debutterà il giovanissimo Oli Bayliss, figlio di Troy, campione mondiale Superbike nel 2001, 2006 e 2008.

L’australiano sarà in sella alla Kawasaki del team Cube e non vede l’ora di iniziare questa nuova avventura: “c’è sempre tanto calore quando il Mondiale Superbike arriva a Phillip Island. Questa volta ci sono anch’io in pista nella SuperSport e non vedo l’ora di scendere in pista. Inoltre è la mia prima volta, anche se il tracciato lo conosco bene. Il livello del Campionato è molto alto, ci sono tanti piloti, però non mi faccio intimidire”, ha dichiarato in un’intervista a GpOne.com.

oli bayliss1Obiettivi ben chiari e tanta consapevolezza: “mi piacerebbe concludere nelle prime cinque posizioni. So che sarà difficile, però allo stesso tempo credo sia possibile raggiungere quel risultato. La moto è molto veloce”, ha continuato il dodicenne che ammette di sentire un po’ la pressione perchè figlio di un grande campione. “La pressione c’è sempre, perché mio papà ha dato tanto a questo sport. Io cercherò di trasformare il tutto in stimolo per dare il meglio di me stesso in ogni weekend di gara”.

Inevitabile qualche paragone quindi con suo padre: “forse lo stile di guida e la passione che abbiamo per le due ruote. Per il resto siamo molto diversi come persone”.

Il giovane Bayliss poi svela chi è il suo pilota preferito: “Valentino Rossi, il suo stile di guida è incredibile. Mi è sempre piaciuto e sono cresciuto guardando le sue gare. Tra l’altro ho avuto il privilegio di visitare il Ranch ed è stata un’esperienza incredibile. Lui è un pilota che cura ogni dettaglio e dà sempre moltissimi consigli a coloro che girano insieme a lui”.