Il punto della situazione in casa Suzuki dopo i test di Phillip Island: Brivio e le differenze tra Iannone e Vinales

E’ terminata la seconda sessione di test invernali. Ieri a Phillip Island i piloti sono scesi in pista per l’ultima volta prima delle prove del prossimo mese in Qatar e dell’esordio stagionale previsto per il 26 marzo. Maverick Vinales ha stabilito il miglior tempo seguito dagli spagnoli della Honda Marquez e Pedrosa. Giornata difficile per Valentino Rossi che non riesce ad andare oltre il 12° posto.

presentazione suzuki7Fuori dalla “top ten” anche Andrea Iannone che ha chiuso al 13° posto alle spalle del Dottore. “Dobbiamo migliorare la nostra moto, soprattutto i componenti elettronici. Iannone ci mostra la via”, queste le parole di Davide Brivio a Speedweek.com. “Dopo la scorsa stagione, abbiamo lavorato sul motore e abbiamo fatto alcuni miglioramenti. Abbiamo cercato di ottenere più potenza, senza compromettere la guidabilità… Le nostre moto viste a Phillip Islanda sono molto vicine a quelle che useremo nella gara inaugurale in Qatar”, ha aggiunto il team manager Suzuki Ecstar

iannoneHa più esperienza di Vinales. Maverick è venuto da rookie dalla Moto2, non aveva esperienza. Ha usato la nostra elettronica così com’era. Aleix Espargaró proveniva da una moto open con elettronica rudimentale. Nessuno di loro aveva guidato prima con una sofisticata elettronica come Iannone nella sua squadra precedente. Ci può dire di cosa abbiamo bisogno e come possiamo migliorare“, ha concluso Brivio.