LaPresse/Alfredo Falcone

Nel post partita di Lazio-Milan, nuova stoccata di Montella a Silvio Berlusconi: oggetto della discordia il ruolo di Suso

LaPresse/Alfredo Falcone
LaPresse/Alfredo Falcone

Montella-Berlusconi, scintille Milan – Vincenzo Montella e Silvio Berlusconi non si amano più. Il presidente rossonero non ha nascosto il disappunto nei confronti dell’allenatore, reo di non giocare con il modulo a lui tanto amato: trequartista e due punte, il dogma che arriva da Arcore. E che Montella non rispetta. Se non fosse per la condivisione delle scelte con la cordata cinese pronta rilevare il club, Berlusconi con ogni probabilità avrebbe già cambiato allenatore. Ma Montella non si muove di un millimetro dalla sua posizione, anzi rilancia.

LaPresse/Alfredo Falcone
LaPresse/Alfredo Falcone

Montella-Berlusconi, scintille Milan – Nel post partita dell’Olimpico, infatti, l’allenatore rossonero lancia più di una stoccata. Destinatario? Silvio Berlusconi, nonostante il nome del presidente non venga mai pronunciato. “Questa squadra ha vinto 13 delle 27 partite giocate, Supercoppa compresa, merita di essere rispettata”, le parole di Montella a Sky Sport. Che poi risponde così su Suso e il ‘ruolo della discordia’: “se ha fatto gol da esterno o da trequartista? Da esterno che ama accentrarsi, questi sono i suoi gol, è la sua giocata. Li faceva anche al Genoa”. La rivincita tattica di Montella. La stoccata a Berlusconi è servita….