Dopo il venticinquesimo posto centrato nella pursuit maschile dei Mondiali di Biathlon, Windisch esprime tutto il proprio rammarico

Martin Fourcade vince la medaglia d’oro nella pursuit maschile, grazie ad un solo errore al poligono e alla sua velocità sugli sci. Lascia il norvegese Johannes Boe in argento per 22″8, nonostante i tre errori, e il bronzo è per l’immortale Ole Einar Bjoerndalen, un errore e un distacco di 25″6.

windisch1Partenza difficile e poi gara in rimonta per Dominik Windisch, il migliore degli azzurri, 25° alla fine con quasi 2 minuti di svantaggio: “due errori nella prima serie mi hanno fatto perdere il gancio con i primi. Quando rimani staccato diventa difficile recuperare posizioni, perchè quando sei in ritardo il ritmo di gara diventa più lento e anche se spari bene non riesci più a rientrare. Alla fine ho fatto tre serie buone, esco con una sensazione positiva che cercherò di portarmi nell’individuale“. Contento invece Giuseppe Morello: “sono veramente soddisfatto della mia prestazione, al tiro ho sparato come forse non ho mai fatto e sugli sci ho sentito abbastanza la sprint di sabato. Oggi l’ho un po’ pagata soprattutto negli ultimi due giri. Spero di migliorare ulteriromente, sarà importante nei prossimi tre giorni recuperare bene le batterie sia fisiche che mentali per preparare al meglio l’individuale di giovedì che sarà veramente tosta“.