LaPresse/PA

Eurotour: Darren Fichardt in extremis, 16° Francesco Laporta. Birdie decisivo del sudafricano sull’ultima buca. Nino Bertasio 38°

Bella prova di Francesco Laporta, 16° con 205 colpi (66 71 68, -10), nel Joburg Open, torneo in combinata tra European Tour e Sunshine Tour e ridotto da 72 a 54 buche per le avverse condizioni meteo, disputato sui due percorsi del Royal Johannesburg & Kensington GC (East Course, par 72; West Course, par 71), a Johannesburg in Sudafrica, dove Nino Bertasio è terminato 38° con 207 (65 73 69, -8).

Ha vinto il sudafricano Darren Fichardt con 200 colpi (66 66 68, -15), che con un birdie sull’ultima buca ha evitato il playoff con l’inglese Paul Waring e con il gallese Stuart Manley, secondi con 201 (-14). Al quarto posto con 202 (-13) l’inglese James Morrison e i sudafricani Brandon Stone e Jacques Kruyswijk e tra i nove concorrenti al settimo con 203 (-12) lo statunitense Paul Peterson, il francese Romain Langasque e il sudafricano Dean Burmester. Al 23°  con 206 (-9) il sudafricano Haydn Porteous, che difendeva il titolo.

Darren Fichardt, 42enne di Pretoria, ha ottenuto il quinto titolo nel circuito, quattro anni dopo il quarto, concludendo la sua gara con 68 (-4) frutto di cinque birdie, il quinto decisivo, e di un bogey. Francesco Laporta, entrato nel field con il quinto posto nella prequalifica, ha condotto il giro finale in altalena con un eagle, cinque birdie, un bogey e un doppio bogey che hanno comunque prodotto un efficace 68 (-4) sull’East Course dove si è effettuato il terzo turno, dopo che i partecipanti si sono alternati anche sul West Course. Nino  Bertasio ha recuperato 22 posizioni con cinque birdie e due bogey per il parziale di 69 (-3). E’ uscito al taglio Renato Paratore, 92° con 140 (69 71, -3), fuori per un colpo.