LaPresse/Valerio Andreani

Negli ultimi 10 minuti di partita il Bologna spreca il vantaggio iniziale di Dzemaili, facendosi rimontare dalle reti di Muriel, Shick e dall’autogol di Mbaye

LaPresse/Valerio Andreani
LaPresse/Valerio Andreani

Sampdoria-Bologna, il prepartita – Il primo dei due posticipi della domenica del 24° turno di Serie A, mette di fronte Sampdoria e Bologna. Nel pomeriggio del Luigi Ferraris, la Sampdoria cerca di portare a tre i successi di fila dopo le vittorie su Roma e Milan, mentre il Bologna cerca una vittoria che manca da tre turni, dopo il pareggio con il Cagliari e le clamorose sconfitte contro il Napoli per il puteggio (1-7) e contro il Milan per le dinamiche (gol nel finale con il Milan in 9 uomini).

LaPresse/Valerio Andreani
LaPresse/Valerio Andreani

Sampdoria-Bologna, il racconto del primo tempo – Il primo tempo inzia subito con due fiammate, una per parte: la Sampdoria sfiora il gol in avvio con Muriel che in contropiede fa tutto bene fino ad arrivare a tu per tu con Da Costa, sbagliando il diagonale vincente da pochi passi; il Bologna risponde con Donsah che da pochi passi colpisce il palo dopo una serie di rimpalli. Poco dopo però sono proprio gli emiliani a passare in vantaggio: Dzemaili riceve fuori area un pallone invitantissimo e spara un missile che si spegne all’incrocio. Complice l’infortunio di Destro e l’imprecisione di Quagliarella dall’altra parte, il primo tempo si chiude sullo 0-0.

LaPresse/Valerio Andreani
LaPresse/Valerio Andreani

Sampdoria-Bologna, il racconto del secondo tempo – Il secondo tempo è principalmente di marca blucerchiata con Quagliarella che prima serve di tacco Bruno Fernandes che da pochi metri si fa ipnotizzare da Da Costa e poi con una gran conclusione da fuori sporcata da Oikonomu. Il Bologna prova il colpacco con Verdi che colpisce la traversa su punizione, ma il risultato non sembra volersi sbloccare. A 10 minuti dalla fine la gara cambia radicalmente, un cross dalla destra trova il braccio di Pulgar, per l’addizionale è rigore (molto forzato): Muriel dal dischetto non sbaglia. Un minuto dopo il Bologna, furente di rabbia, si scopre ed è Shick in contropiede a colpire per il 2-1. Nel finale arriva la mazzata del terzo gol per il Bologna: Mbaye devia un cross dalla sinistra nella sua porta e per il Bologna è notte fonda.