A causa delle condizioni atmosferiche, Sebastian Vettel non è riuscito a battere il record della pista di Fiorano al volante della nuova SF70H

Il sogno era quello di battere il record di Michael Schumacher, ma il 55″99 fatto segnare dal Kaiser nel 2004 ha tenuto sotto i colpi di Kimi Raikkonen prima e Sebastian Vettel poi.

LaPresse/Photo4
LaPresse/Photo4

E’ stata la pioggia a frenare il pilota tedesco sul circuito di Fiorano, obbligandolo ad inanellare 14 giri di cui il più veloce percorso in 1’07″16 secondo il  cronometraggio di Alessandro Stefanini. Una giornata comunque positiva per Sebastian Vettel che, oltre a prendere confidenza con la nuova SF70H, si è cimentato in prove di partenza e simulazioni di pit stop, utili per tenere in allenamento anche i meccanici. Questa monoposto è decisamente un passo avanti rispetto al passato, ha forme più grandi e da guidare è divertente. Vista da fuori trasmette già un’idea di vettura potente, la prima impressione è stata buona. In Australia saremo in condizioni totalmente diverse rispetto ad oggi, ma la cosa positiva è che non ci sono stati problemi. Penso sia stata una buona giornata e un bell’inizio in generale“.