LaPresse/Photo4

La FIA ha deciso di abolire definitivamente la partenza pre-caricata, abolendo la figura dell’ingegnere controllista

Se il tema riguardante il sistema idraulico della sospensione anteriore utilizzato da Mercedes e Red Bull verrà analizzato più a fondo nelle prossime settimane, per quanto concerne la c.d. ‘partenza pre-caricata‘ la Fia ha deciso di abolirla definitivamente. Dopo la richiesta di delucidazioni avanzata dalla Ferrari, la Federazione ha deciso di intervenire in maniera perentoria, ponendo il veto su un espediente che adesso non si potrà più utilizzare.

LaPresse/Photo4
LaPresse/Photo4

La conferma si è avuta in seguito al Technical Regulation Meeting tenutosi due giorni fa a Ginevra, dove si sono riuniti i direttori tecnici del team per analizzare alcuni aspetti del regolamento tecnico che ancora non convincono le scuderie. A partire dal Gp di Melbourne che dà inizio al Mondiale 2017, i piloti dovranno gestire autonomamente la partenza. Sarà bandito infatti il controllo d’apertura della frizione: il rilascio del paddle. Fino alla scorsa stagione, sulla griglia di partenza per il pilota era sufficiente azionare una procedura standard la cui efficacia era data dalla capacità dell’ingegnere di settare l’apertura della frizione nel punto ideale.

LaPresse/PA
LaPresse/PA

A difettare, nel 2017, sarà dunque la figura dell’ingegnere, per questo motivo sarà lo stesso pilota l’artefice principale di una partenza giusta o sbagliata che sia. Una notizia che non farà di certo piacere a Lewis Hamilton, non proprio un maestro delle partenze come visto nel corso dell’ultima stagione.

LEGGI ANCHE —> F1, la Ferrari sferra un altro colpo alla Mercedes: che mazzata per… Lewis Hamilton