Ph. profilo Facebook Mercedes

Intervistato da Auto Motor und Sport, Valtteri Bottas ha svelato un curioso retroscena accaduto dopo l’annuncio del ritiro di Rosberg

Manca poco prima del debutto ufficiale di Valtteri Bottas al volante della Mercedes, il pilota finlandese è impaziente di scendere in pista con la monoposto campione del mondo, diventata sua dopo il ritiro di Nico Rosberg.

LaPresse/Photo4
LaPresse/Photo4

Il prossimo 27 febbraio i team scenderanno in pista a Barcellona per la prima sessione di test pre-stagionali, un momento che Bottas attende con ansia. Intervistato da Auto Motor und Sport, il finlandese ha parlato di questa sua nuova esperienza, svelando anche un curioso retroscena avvenuto subito dopo l’annuncio del ritiro di Rosberg. Ho chiamo Toto Wolff lo stesso giorno in cui Nico Rosberg ha annunciato che si sarebbe ritirato – racconta Bottas – da pilota vuoi sempre essere seduto sulla monoposto migliore in griglia, ecco perché mi sono fatto sentire. Inoltre ho detto chiaramente di voler vincere gare e mondiale. Non sarà facile ma è una grande opportunità, il mio apprezzamento nei confronti di Lewis è alto.

Bratic,Hasan
Bratic,Hasan

Lo rispetto molto per ciò che è riuscito ad ottenere e per le sue qualità di guida. Dunque sono consapevole che non sarà una stagione semplice per me. Credo sia un bene che nel 2017 ci confronteremo con un nuovo regolamento che introdurrà novità non solo dal punto di vista aerodinamico ma anche riguardo le gomme. L’unico vantaggio che resta ad Hamilton sarà la maggior conoscenza della squadra e del suo metodo di lavoro, da quel punto di vista dovrò recuperare