LaPresse/Reuters

Alla Fiorentina basta un gol di Bernardeschi per battere a domicilio il Borussia Monchengladbach nell’andata dei sedicesimi di Europa League

La Fiorentina soffre per un tempo, ma alla fine batte il Borussia Moenchengladbach nella gara d’andata dei sedicesimi di finale dell’Europa League.

LaPresse/Reuters
LaPresse/Reuters

In Germania finisce 0-1 grazie al talento di Federico Bernardeschi, che con una splendida punizione nel finale del primo tempo regala un successo fondamentale ai viola: giovedi’ prossimo al Franchi alla squadra di Sousa bastera’ non perdere per staccare il biglietto per gli ottavi di finale. Eppure la serata al Borussia Park non era cominciata bene per la Fiorentina, chiusa nella propria meta’ campo e incapace di costruire gioco come dimostra il dato sul possesso palla nel primo tempo, con i tedeschi addirittura al 58 per cento. Per fortuna della squadra viola, i giocatori del Borussia non sono affatto spietati sotto porta. Lo dimostra Hermann al 14′, quando non riesce a sfruttare un geniale tacco di Thorgan Hazard anche per merito di Tatarusanu, molto bravo a chiudere la porta in uscita e respingere il tiro dell’esterno tedesco. Sulla propria fascia sinistra la Fiorentina soffre, perche’ Olivera non riesce ad arginare lo scatenato Hermann se non con le cattive, come al 16′ quando rischia il rigore intervenendo in ritardo sulle gambe dell’avversario. L’arbitro spagnolo Gil Manzano sorvola, la squadra di Paulo Sousa ringrazia ma continua a soffrire il gioco dei tedeschi: i centrocampisti Kramer e Dahoud dettano i tempi con il supporto di Thorgan Hazard, fratello del talento del Chelsea, gli esterni Hermann e Johnson affondano sulle fasce ma l’attaccante Stindl spreca: l’errore di mira al 40′ e’ grossolano, il palo colpito sul cross di Hermann sessanta secondi dopo e’ sfortunato.

LaPresse/Reuters
LaPresse/Reuters

E allora, dopo tanta sofferenza, arriva l’episodio favorevole per la Fiorentina: Bernardeschi si procura una punizione e con un grande sinistro beffa Sommer, non esente da colpe sul proprio palo. Forse anche per il vantaggio trovato nel finale del primo tempo, i viola entrano in campo con un altro atteggiamento nella ripresa. Provano a gestire il possesso palla e spesso ci riescono. Rodriguez concede comunque un’occasione a Johnson, che pero’ calcia male al 60′. Tre minuti dopo l’occasione per il raddoppio capita sul destro di Borja Valero, che non riesce a inquadrare la porta sul cross di Tello. Il tecnico del Borussia Hecking cerca forze fresche in panchina mandando in campo Drmic, Hahn e Korb, ma gli attacchi della squadra di casa non sono pericolosi come nel primo tempo. La Fiorentina controlla la reazione dei tedeschi, nel finale Borja Valero impegna ancora il portiere avversario Sommer con un potente destro dalla distanza, poi Tatarusanu blocca l’ultimo tentativo del Borussia, un colpo di testa debole di Vestergaard in pieno recupero. Alla squadra di Sousa puo’ andar bene cosi’: gli ottavi di finale sono piu’ vicini. (ITALPRESS)