Candice Wiggins, ex giocatrice WNBA, ha raccontato il dramma che l’ha portata ad abbandonare tutto: le descriminazioni per la sua eterosessualità

small_140526-085700_to270105est_3090Giocare nella Wnba doveva essere un sogno che si realizzava ma è stato tutto l’opposto“. Confessione amara quella di Candice Wiggins, ex giocatrice della Stanford University che la scorsa stagione ha dato l’addio al basket professionistico dopo 8 stagioni passate nella Wnba. Candice Wiggins, intervistata ai microfoni del “San Diego Union-Tribune”, racconta di una cultura “molto, molto pericolosa nell’ambiente“, al punto da aver rifiutato il rinnovo proposto dal New York Libertynonostante volessi giocare altri due anni nella Wnba. Ma mi avevano distrutta nello spirito“.

small_140526-085701_to270105est_3055Terza scelta assoluta al draft 2008 delle Minnesota Lynx, la Wiggins rivela di essere stata fortemente discrimanata dalla sua eterosessualità “perche’ il 98% delle donne nella Wnba sono gay. C’era tantissima gelosia e competizione ed eravamo tutte in lotta per delle briciole. E il modo in cui apparivo, in cui giocavo contribuivano alle tensioni. Hanno cercato di ferirmi in tutti i modi, non sono stata mai insultata così tanto in tutta la mia vita quanto nella mia prima stagione, non mi era mai capitato di finire a terra così tante volte. Il messaggio era: ‘vogliamo che tu sappia che non ci piaci. La cultura dominante è che devi sembrare e giocare come un uomo per avere rispetto ma io ero l’opposto, ero fiera di essere donna ma questo non si adattava bene a quella cultura“.