LaPresse/Reuters

La WADA ha sospeso il laboratorio colombiano di Bogotà per non aver rispettato le norme internazionali

La WADA, il massimo ente antidoping internazionale, ha sospeso per circa 6 mesi il laboratorio antidoping di Bogotà, perchè non ha rispettato le norme che vietano qualunque attività che tratti campioni di urina e sangue. Il comunicato della WADA parla chiaro: sono state superate le quantità richieste dall’ente e per questo il laboratorio dovrà d’ora in poi attenersi alle regole stabilite dall’agenzia antidoping internazionale. Per gli atleti residenti nella città colombiana sarà allestito un nuovo studio medico tutelato dalla WADA per effettuare i test antidoping.