• LaPresse/Piero Cruciatti
    LaPresse/Piero Cruciatti
  • LaPresse/Piero Cruciatti
    LaPresse/Piero Cruciatti
  • LaPresse/Piero Cruciatti
    LaPresse/Piero Cruciatti
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/

Domani all’Abu Dhabi Tour ci sarà l’attesa sfida tra Nibali e Aru, un antipasto del Giro d’Italia

LaPresse/Piero Cruciatti
LaPresse/Piero Cruciatti

Domani scatterà l’Abu Dhabi Tour, la gara più importante del medio oriente. Questa corsa verrà ricordata per due eventi: il paese dell’Emirato Arabo avrà una squadra professionistica (la UAE Team Emirates) tra i team in gara e soprattutto per la prima volta ci sarà l’atteso duello tra Fabio Aru e Vincenzo Nibali. I due fino a pochi mesi fa erano compagni di squadra all’Astana; hanno vissuto gioie, vittorie e sconfitte. Il duo negli anni trascorsi si sono aiutati spesso nelle grandi corse a tappe e vederli con due squadre diverse fa uno strano effetto. 

vincenzo nibaliVincenzo Nibali è diventato il capitano, l’esempio da seguire del neo team professionistico Bahrain Merida (squadra araba creata dall’intelligenza di Brent Copeland e dal Sultano Al Khalifa). Il team ha allestito un roster che possa garantire allo Squalo delle vittorie di prestigio come il Giro d’Italia, edizione del Centenario e le classiche di montagna. Copeland ha ingaggiato molti ciclisti validi per garantire questi grandi obiettivi fissati da Vincenzo Nibali

fabio aruFabio Aru è rimasto all’Astana e Vinokurov gli ha consegnato la ‘fascia da capitano’ della squadra kazaka. Una bella investitura che sicuramente il Cavaliere dei Quattro Mori userà per garantire le vittorie richieste. Il team può vantare corridori eccezionali come Moser, Fuglsang, Kangert, Lopez e Scarponi. Adesso loro avranno l’arduo compito di proteggere nelle giornate di crisi Aru e di scortarlo nelle salite delle grandi corse a tappe. 

Domani all’Abu Dhabi Tour sarà solo l’antipasto della sfida tra Aru e Nibali. Gli appassionati di ciclismo potranno rivedere un duello stupendo sin da domani: Nibali contro Aru come Coppi contro Bartali, Binda-Girandengo, Moser-Saronni. Il grande ciclismo italiano sta tornando con una grande sfida, anche se tra i due non vi è nessun screzio ma una grande amicizia basata su basi solide, ovvero sulla sportività e sulla lealtà. 
Nibali contro Aru: il grande match in onda sulle strade di tutto il mondo!