Piovono polemiche sui freni a disco dopo la prima tappa dell’Abu Dhabi Tour e la caduta che ha coinvolto Ewan, Doull e Kittel. Dura la presa di posizione dei ciclisti

 LaPresse/Reuters
LaPresse/Reuters

La vittoria della prima tappa dell’Abu Dhabi Tour è stata di Mark Cavendish che ha battuto Greipel e un grande Bonifazio, ma nelle retrovie il ‘gruppone’ è stato rallentato a causa di una caduta. Kittel, Ewan, Sabatini, Doull sono finiti in terra e il ciclista della Quick Step Floors ha riportato una forte abrasione sul gluteo. Ewan invece è stato costretto ad andare in ospedale per accertamenti, mentre nulla di grave per Doull e Sabatini.

“Ho fatto un volo come Superman, sono caduto sul petto ma niente di grave”, ha dichiarato Kittel come riportato da La Gazzetta dello Sport.

Al termine della tappa, dopo la brutta caduta di Kittel e Doull è immediatamente nata una polemica sui freni a disco. Il ciclista del Team Sky ha riportato delle terribili ferite al piede, causate probabilmente dalla presenza dei freni a disco sulla bici del tedesco.

taglio scarpa doullUn taglio così lo possono fare solo quei freni, sono fortunato che non si è trattato della gamba. Come un coltello, penso che solo Kittel li abbia. Ci vogliono delle coperture, delle protezioni, onestamente penso che così siano piuttosto pericolosi” – ha dichiarato il corridore -. Dobbiamo chiederci se stiamo andando nella direzione giusta o no. Non siamo contro il progresso, ma episodi come questo fanno riflettere. Smussare gli angoli dei freni a disco non serve, ci vuole il carter a protezione”.

La sperimentazione è partita col piede sbagliato. L’episodio di ieri era già stato preventivato dal ciclista storico Gianni Bugno che aveva scritto all’UCI di fermare questa sperimentazione dei freni a disco. Ma la Federazione Internazionale non ci sta, e ribatte “siamo sorpresi, rispettate il processo democratico”, come riportato da La Gazzetta dello Sport.

Lapidario il messaggio scritto su Twitter di Alberto Contador: “per fortuna non era il piede, che succederebbe se tutte le bici li montassero?“.