LaPresse/Daniele Badolato

Clamorose rivelazioni sulla famiglia Agnelli che potrebbero avere ripercussioni anche sulla società bianconera: “tutti contro Andrea”

LaPresse/Jennifer Lorenzini
LaPresse/Jennifer Lorenzini

Juventus, ‘faida’ tra gli Agnelli –All’interno della Juventus stanno succedendo cose molto gravi, che affioreranno tra qualche mese. John Elkann, azionista di maggioranza, è molto geloso delle vittorie di Andrea Agnelli. Al punto che ad Andrea non viene perdonato nulla, non solo dal punto di vista sportivo ma anche personale. C’è una cosa che ha creato una frattura profonda, cioè il fatto che Andrea abbia lasciato la moglie e due bambini e si sia messo con questa ragazza turca, e soprattutto che lei aspetti un figlio. Questo, da parte di John e soprattutto da parte di sua moglie Lavinia, ha determinato una guerra interna, tanto che Andrea si trova a subire una serie di smacchi, che lui sopporta pazientemente, anzi stoicamente, ma determinano situazioni incredibili. Alla prima occasione che dovesse capitare – positiva, negativa o inventata – cercheranno di farlo fuori”, mettetevi comodi, la spy story è servita.

LaPresse/Fabio Ferrari
LaPresse/Fabio Ferrari

Juventus, ‘faida’ tra gli Agnelli – A svelare una ‘faida’ interna alla famiglia Agnelli è Gigi Moncalvo, noto giornalista e scrittore (autore tra gli altri dei libri “I lupi & gli Agnelli” e “Agnelli segreti”, oltre che del recente “I Caracciolo: misteri e figli segreti di una grande dinastia italiana”), che ai microfoni di Radio Radio ha svelato alcuni retroscena riguardati la famiglia Agnelli: “quali saranno le conseguenze di tutto questo sulla Juventus? In tribuna d’onore, allo Stadium, non si parlano più e non si guardano più. Andrea abbraccia questa donna a ogni gol, ostenta il suo amore, ma dall’altra parte non ci sono più John e Lavinia. E ora stanno cercando di fare di tutto per metterlo in difficoltà. Nel cda della Juventus, Andrea può contare su zero voti. Marotta è dalla parte di Elkann, Nedved è pronto a diventare presidente al suo posto se glielo chiedono. Andrea nel cda bianconero è in minoranza. Il presidente regna ma non governa. Se deve fare acquisti, deve passare dall’approvazione del cugino che lo detesta. Se ora lo inseriscono nel cda della Ferrari, lo tolgono dalla Juve. E comunque se la squadra va fuori in Champions contro il Porto, o subito dopo, rischia di essere fatto fuori. E ovviamente accadrà lo stesso se dovesse fallire lo scudetto”.