LaPresse/Spada

L’altista Silvano Chesani punta ai Mondiali di Londra e vuole difendere l’argento conquistato agli europei indoor nel 2015

LaPresse/Spada
LaPresse/Spada

Silvano Chesani altista italiano che ha partecipato alle Olimpiadi di Rio 2016 senza tanta fortuna. Infatti l’azzurro si è fermato alle qualificazioni. Ora si sta preparando al meeting d’Hirson che si terrà in Francia in questo weekend. Questa gara sarà molto importante perchè l’8 febbraio ci saranno i campionati italiani assoluti ad Ancona. Un grande appuntamento che non bisogna sbagliare: “sabato esordisco al meeting d’Hirson, in Francia. Poi tornerò a Banská Bystrica, l’8 febbraio, e salterò ai Campionati Italiani Assoluti di Ancona, – ha dichiarato Chesani come riportato dal portale www.fidal.it -. Se sarò competitivo, andrò a Belgrado a difendere il mio argento (conquistato ai campionati europei di atletica leggera indoor a Praga nel 2015, ndr). Tra Ancona e Belgrado mi piacerebbe mettere al sicuro i 2,30 del minimo per i Mondiali di Londra, la manifestazione che è l’obiettivo dell’anno”.

Silvano Chesani 2Il 2016 è stato un anno da dimenticare per l’altista: prima l’ottimo 2.23 conquistato a Padova, poi il 20,30 a Banska, Trinec e Hustopece, ma poi i problemi fisici lo hanno fermato fino a luglio. “È stato un anno faticosissimo dal punto di vista nervoso. Aperto con un 2,23 a Padova, che ha rotto il digiuno agonistico a 300 giorni dall’operazione al tendine d’Achille destro. Poi Banska, Trinec e Hustopece, i classici tre appuntamenti invernali di noi altisti, chiusi con un bel 2,30. Da lì sono iniziati i problemi, fra cui un edema osseo alla caviglia di stacco, tanto che all’aperto ho gareggiato solo a fine luglio, – conclude -. Ammetto che, dopo un 2016 così stressante ero tentato di prendermi più tempo e bipassare la stagione al coperto. Che però, così concentrata in poche settimane, è quella che mi piace di più. Agli EuroIndoor di Belgrado, da vicecampione in carica, non voglio mancare”.