LaPresse/EFE

Grana in casa Roma che deve registrare il duro sfogo del portiere brasiliano Alisson: “ero venuto qui per giocare, ci sono rimasto male”

LaPresse/EFE
LaPresse/EFE

Roma, grana Alisson – Nessuno ‘strappo’, solo la delusione per non aver accumulato un maggior minutaggio tra i pali della Roma. Portiere di coppa, chiuso in campionato dal polacco Wojciech Szczesny. Alisson Ramses Becker, noto semplicemente come Alisson, estremo difensore della nazionale brasiliana, si sfoga su ‘Globo’ senza pero’ alzare i toni. “Mi ha dato un po’ fastidio cominciare dalla panchina, perche’ ero venuto a Roma per giocare. Ci sono rimasto male“, dice il 24enne ex Internacional. Il quale è certo di avere il futuro dalla sua parte: “So di piacere al tecnico e ai dirigenti e sono certo che scommetteranno su di me. Per me e’ un test di pazienza, devo aspettare un po’”.

LaPresse/Alfredo Falcone
LaPresse/Alfredo Falcone

Roma, grana AlissonQui l’affetto della gente è bellissimo, tanti tifosi ad aspettarci fuori dai cancelli tutti i giorni. L’importante e’ far bene in campo con la Roma e la nazionale“. “Chi mi aiutato più di tutti nella mia carriera è stato mio fratello Muriel, che mi è stato sempre vicino soprattutto nei momenti più difficili. Un ottimo motivatore – aggiunge Alisson – L’esordio in nazionale è stato un momento indimenticabile, volevo che quella partita non finisse mai. Spero di restare a lungo con la Selecao e scrivere pagine importanti come i principali portieri brasiliani“. (ITALPRESS).