Lo Sky Racing Team esordisce anche in Moto2 nel 2017, raddoppia quindi l’impegno per Pablo Nieto: ecco le sue sensazioni per la nuova avventura

La stagione 2017 di motociclismo sta per iniziare. Per vedere i campioni sfidarsi ufficialmente bisognerà ancora attendere qualche mese, ma già a fine gennaio i piloti regaleranno le prime emozioni con i test di Sepang. Non solo però MotoGp, ma anche Moto2 e Moto3 che regalano sempre grande spettacolo, soprattutto con i giovani piloti italiani, dell’Academy e dello Sky Racing Team che, aiutati dal Team Manager Pablo Nieto, cercheranno di far meglio dello scorso anno.

pablo nietoIl 2016? Una stagione intensa, in ogni senso. Abbiamo lavorato bene, siamo migliorati, sì c’è stato qualche problema, ma lo abbiamo superato in maniera costruttiva. Si guarda avanti, sempre. E tutto va sempre affinato“, ha dichiarato lo spagnolo in un’intervista riportata sul sito ufficiale di Sky Sport. “Abbiamo iniziato a lavorare al 2017 già poco dopo la prima metà dello scorso campionato. Quest’anno ci aspetta anche la Moto2, una sfida completamente nuova per Sky-VR46″, ha aggiunto Nieto il cui impegno quest’anno raddoppia perchè inizierà anche una nuova avventura in Moto2: “è la nostra prima volta come Team, lo staff sarà rafforzato con professionisti che hanno già esperienza in materia. La famiglia cresce e ciò significa che abbiamo fatto un buon lavoro. Credo che in definitiva non sarà poi così diverso“.

pablo nieto1Con Uccio (Alessio Salucci), Albi (Alberto Tebaldi,) e Valentino è stato valutato tutto, prendere una persona nuova in questo momento particolare del progetto avrebbe potuto creare disarmonia. In fondo io conosco bene tutta la scuderia, lo staff, le dinamiche, i piloti. I risultati arrivano grazie al lavoro collettivo“, ha continuato Nieto che è soddisfatto e contento del suo lavoro al fianco di Rossi: “Valentino mi ha chiesto di mantenere la rotta, di continuare sulla strada intrapresa fino ad oggi. Con tranquillità. Sarà ovviamente più complesso, saremo in 35 e qualcosa nel sistema cambierà“.