LaPresse/Photo4

A causa dei costi sempre maggiori, gli organizzatori del Gp di Silverstone potrebbero attivare una clausula per uscire dal calendario di Formula 1

Lo storico circuito di Silverstone potrebbe dire addio alla Formula 1. Il rischio è concreto e si sta materializzando proprio in questi mesi, durante i quali gli organizzatori di una delle gare più affascinanti del Mondiale si stanno accorgendo di non poter far fronte alle ingenti spese di organizzazione.

silverstoneAll’interno del contratto firmato con Ecclestone, esiste una clausula che permetterebbe a Silverstone di smettere di ospitare la Formula 1 alla fine del 2019, ma Bernie Ecclestone deve ancora essere informato circa i piani per la gara di quest’anno. All’interno di una missiva inviata alla BRDC, e trapelata grazie a ITV, il presidente Grant ha spiegato quali sono i problemi reali a cui bisogna far fronte: “il Board vorrebbe preservare il GP di Gran Bretagna a Silverstone per molti anni a venire, ma solo se ha senso farlo. Noi dobbiamo proteggere il nostro club contro i potenziali rischi rovinosi di un paio di anni negativi. Tra le altre alternative, il Consiglio sta valutando se dobbiamo dare preavviso prima del GP del 2017 della nostra intenzione di esercitare la clausula di rottura del contratto alla fine del 2019.

LaPresse/PA
LaPresse/PA

Questa non è una decisione semplice e quindi stiamo valutando seriamente tutte le implicazioni che comporterebbe“. L’accordo tra gli organizzatori del Gp di Silverstone e Bernie Ecclestone si basa su un contratto, firmato nel 2009, della durata di ben 17 anni. Tuttavia, l’aumento dei costi potrebbe cambiare le carte in tavola. I problemi finanziari del Gp di Silverstone non preoccupano però Mister E.: “se vogliono attivare una clausula di rottura, non c’è nulla che possiamo fare” ha detto Bernie a ITV. “Altre due piste ci hanno contattato e noi siamo desiderosi di mantenere un GP in Gran Bretagna, non c’è alcun dubbio a questo proposito. Per quanto riguarda le preoccupazioni di Silverstone, quello non dipende da noi“.