F1, Newey e quel paragone un po’ azzardato: “Verstappen? Mi ricorda Mansell”

Adrian Newey non ha problemi ad esprimere il suo pensiero su Verstappen, sottolineando di paragonarlo molto a Mansell

Grinta, sorpassi e personalità da vendere. Max Verstappen è senza dubbio il pilota più chiacchierato del paddock, dopo quanto fatto vedere durante la scorsa stagione.

LaPresse/Photo4
LaPresse/Photo4

Adesso che la nuova sta per cominciare, i riflettori tornano ad accendersi sull’olandese che, secondo Adrian Newey, ricorda molto Nigel Mansell. “Max ha guidato subito la sua monoposto in un modo che mi ha fatto ricordare lo stile di guida di Nigel” sottolinea il direttore tecnico della Red Bull. “Mansell era facilmente riconoscibile quando era al volante. Era un tipo che aveva quasi i gomiti fuori dall’abitacolo per la grinta che ci metteva e Verstappen si comporta allo stesso modo: da vedere in televisione è davvero eccitante, perché non sai mai cosa sia in grado di fare…”. Non solo grinta ma anche sorpassi fuori dal normale, Newey sottolinea che anche questo gli ricorda Mansell: “anche in questo ricorda molto Nigel, Max è proprio il tipo che non si fa condizionare da niente e nessuno, per cui continua a comportarsi in pista come sempre ha fatto, sostenendo che i problemi sono degli altri“.