LaPresse/Photo4

La Mercedes ha inviato una lettera di chiarimenti alla Fia riguardo la sezione A-A del telaio della Red Bull, non conforme secondo i tedeschi al regolamento

Esposti, chiarimenti e prime scintille in vista della nuova stagione di Formula 1. Dopo la lettera di chiarimenti inviata dalla Ferrari alla Fia che ha portato al divieto della sospensione idraulica che permette di controllare l’altezza da terra delle monoposto di Mercedes e Red Bull, la scuderia di Brackley non si è fatto cogliere impreparata, rispondendo che il sistema messo al bando dalla Federazione non riguarda il progetto della W08 Hybrid.

LaPresse/Photo4
LaPresse/Photo4

La lettera partita dalle stanze di Maranello non sarebbe l’unica ricevuta dalla Fia, dal momento che anche la Mercedes avrebbe spedito una missiva per capire quali sono i vincoli normativi sulla cellula di sicurezza della scocca. Nel mirino, tanto per cambiare, la nuova Red Bull di Adrian Newey, vero e proprio spauracchio per il team di Woking. Sotto la lente di ingrandimento è finita la centina anteriore del telaio della RB12 che, secondo la Mercedes, non sarebbe a norma. La regola dice che la sezione A-A deve avere misure fisse (300 mm di larghezza e 275 mm in altezza) e un raggio di 25 gradi. Da Brackley fanno sapere che la monoposto in fase di realizzazione a Milton Keynes non rispetta quei canoni, dal momento che sotto al telaio si nascondono due prese d’aria a forme di “orecchie del diavolo”. Un situazione che ha messo in difficoltà Charlie Whiting, il quale ha rinviato qualsiasi decisione al prossimo meeting, in programma a febbraio, mese decisivo per approvare le ultime novità regolamentari e dare finalmente il via alla nuova stagione di Formula 1.