LaPresse/Spada

Intervenuto in conferenza stampa alla vigilia di Milan-Torino, Vincenzo Montella deve fare i conti con le domande sulla convivenza tra Bacca e Lapadula

Entra Lapadula, resta in campo Bacca, il colombiano segna nel finale e il Milan batte il Cagliari. E’ andata così domenica a San Siro e adesso Vincenzo Montella deve fare i conti con chi gli chiede di giocare con i due attaccanti dall’inizio.

LaPresse/Spada
LaPresse/Spada

In Italia siamo tutti allenatori, non solo i giornalisti, anche al supermercato è così, a Milano come a Roma, ma convivo con tutto questo senza problemi” assicura il tecnico rossonero in conferenza stampa alla vigilia dell’ottavo di finale di Coppa Italia contro il Torino. “Domenica abbiamo tirato 29 volte in porta, abbiamo concesso meno conclusioni agli avversari, siamo stati più compatti di sempre rispetto all’inizio dell’anno, quindi credo che la squadra abbia fatto una grande partita, poi con le due punte forzando un po’ abbiamo risolto la gara, ma non solo per merito dei due attaccanti. E’ una possibilità che giochino insieme, ma è anche una forzatura perchè non abbiamo 4 punte a disposizione, anche perchè abbiamo quasi ceduto Luiz Adriano. Inoltre siamo partiti in un certo modo e continueremo a giocare così, sapendo che si può cambiare in alcune partite“. L’intesa e anche il feeling tra Bacca e Lapadula non si discute: “c’è sana competizione, ma sanno che possono aiutarsi a vicenda. E’ stato importante per Carlos segnare, ma è stata decisiva anche la volontà di Lapadula, per Bacca è stato un gol importante che ha dimostrato la sua forza mentale, non era facile segnare, ma ha avuto la lucidità di far gol“. (ITALPRESS)

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE