LaPresse/Alessandro Fiocchi

In una stagione piena di infortuni, le uniche luci sono Defrel e Acerbi, deludono invece Matri e Missiroli: promossi e bocciati in casa Sassuolo

L’esperienza ‘storica’ in Europa League e un campionato finora al di sotto delle attese. Il Sassuolo non vive la sua stagione migliore, caratterizzata finora da tanti infortuni e pochi punti (solo 17), che inchiodano i neroverdi alle soglie della zona rossa. Il recupero della corposa schiera di lungodegenti, Berardi su tutti, gioverà senza dubbio alla squadra di Di Francesco che, per tasso tecnico, meriterebbe senz’altro di stare nella parte sinistra della classifica. Ecco i promossi e i bocciati in casa Sassuolo:

LaPresse/Alessandro Fiocchi
LaPresse/Alessandro Fiocchi

Promossi

Gregoire Defrel – Vero e proprio punto fermo dell’attacco neroverde, Defrel si sta dimostrando una garanzia anche quest’anno, soprattutto nei momenti di difficoltà. Sono sei in sedici presenze le reti del francese che, dal momento dell’assenza di Berardi, si è caricato sulle spalle il peso dell’attacco emiliano.

Francesco Acerbi – Se Defrel è il pilastro offensivo, Acerbi è senza dubbio quello del reparto difensivo. Sempre presente dall’inizio alla fine in tutte le gare del Sassuolo, il difensore ex Milan non ha finora sfigurato nemmeno sotto porta, siglando tre reti in questo inizio di stagione.

LaPresse/Davide Spada
LaPresse/Davide Spada

Bocciati

Alessandro Matri – Arrivato nel mercato invernale con il compito di trascinare con i suoi gol il Sassuolo, Alessandro Matri non ha mai brillato in questo avvio di campionato, segnando solo una rete in tredici presenze. Il suo contributo stenta a vedersi, Di Franceso però continua a puntare su di lui, sperando di ritrovarsi tra qualche settimana il Matri dei tempi bianconeri…

Simone Missiroli – Stagione al momento notevolemente al di sotto della sufficienza per il centrocampista reggino, incapace di trovare la forma migliore e, conseguentemente, continuità di risultati. Visti i molti infortuni a centrocampo, Missiroli adesso avrà lo spazio per ristabilire le gerarchie.