LaPresse/Valerio Andreani

Vittoria nel derby, bel calcio ma qualche punto perso per strada in maniera rocambolesca: ecco Top e Flop in casa Sampdoria

Top e Flop Sampdoria – Prima parte di stagione nella media per la Sampdoria con un bonus per il derby vinto contro il Genoa. I liguri mettono in pratica l’idea di calcio di Giampaolo molto bene ma spesso lasciano punti per strada, a causa di qualche calo di concentrazione di troppo. Sembra aver trovato un buon feeling con il gol Muriel, buoni gli innesti di Shick e Torreira, serve qualità sulla trequarti per risolvere certe partite: il dito è puntato contro Praet e Alvarez.

Promossi

Muriel – Il centravanti colombiano viene da un ottimo inizio di stagione condito da 6 reti in campionato. Muriel sembra aver messo da parte la sua nota ‘pigrizia’, merito anche di Giampaolo che lo ha messo al centro dell’attacco e il ragazzo ha risposto presente. Per il definitivo salto di qualità serve proseguire sulla strada della continuità. Concentrato

Torreira – Il giovane centrocampista uruguagio è la sorpresa del mercato estivo. Ritornato dal prestito al Pescara, Torreira si è calato perfettamente nel panorama della Serie A, prendendo le redini del centrocampo blucerchiato. Alterna giocate e dinamismo come se giocasse nella massima serie da diverso tempo

Bocciati

Praet – L’acquisto più costoso (circa 10 milioni) del mercato estivo della Sampdoria ha fin qui deluso le attese. In 14 presenze nemmeno una rete, partite sufficienti ma mai indimenticabili e un ambientamento complicato. Da rivedere

Alvarez – L’altra delusione in casa Sampdoria è sempre sulla trequarti. Ricky Alvarez continua a non brillare ogni volta che scende in campo. Il ragazzo avrebbe bisogno di continuità di minuti e prestazioni o magari di cambiare aria. Involuto