LaPresse/Photo4

Stagione da ricordare per il team austriaco, le due vittorie ottenute da Verstappen e Ricciardo sono lì a dimostrarlo: ecco promossi e bocciati in casa Red Bull

Alzi la mano chi ad inizio stagione avrebbe pensato che la Red Bull sarebbe statal’unica credibile antagonista della Mercedes. Partito con la coppia Ricciardo-Kvyat, il team austriaco non ha avuto remore nel sostituire il russo con Max Verstappen, venendo ripagato con la vittoria dell’olandese a Barcellona, proprio nel Gp del debutto. La vittoria di Ricciardo a Sepang, poi, ha coronato la stagione della Red Bull, riuscita a chiudere davanti alla Ferrari sia nel Mondiale piloti che in quello Costruttori.

LaPresse/Photo4
LaPresse/Photo4

Promossi 

Daniel Ricciardo – Il terzo posto nella classifica piloti fotografa al meglio il 2016 di Ricciardo che, partito senza i favori del pronostico, ha piano piano scalato le gerarchie tenendo dietro entrambi i piloti Ferrari. I cambiamenti regolamentari della prossima stagione potrebbero cambiare le carte in tavola, regalando all’australiano la possibilità di lottare per il titolo.

Max Verstappen – La sorpresa dell’anno è senza dubbio il pilota olandese, capace di centrare la sua prima vittoria in carriera al debutto sulla Red Bull. Criticato per il suo atteggiamento in pista, Verstappen non ha mai limitato la sua personalità, venendo premiato a fine stagione per il sorpasso più bello del 2016 effettuato ai danni di Rosberg in Brasile.

LaPresse/Photo4
LaPresse/Photo4

Bocciato

Daniil Kvyat – Rimasto al volante della Red Bull per quattro gare, il pilota russo è senza dubbio la nota stonata di questa stagione visto e considerato il suo apporto in quel breve lasso di tempo. La sostituzione con Verstappen ha, per certi versi, giovato a Chris Horner e soci che, d’altro canto, hanno il merito di non aver abbandonato Kvyat, permettendogli di correre in Toro Rosso.