Nuoto – Mondiali vasca corta, Matteo Giunta raggiante: “vi svelo il segreto di Federica Pellegrini”

Una serata magica quella vissuta da Federica Pellegrini ieri ai Mondiali di vasca corta in Canada, un exploit che ha esaltato anche il suo allenatore Matteo Giunta

A pochi mesi dalle Olimpiadi di Rio 2016, il nuoto italiano torna a fare vivere emozioni immense e lo fa nell’edizione numero 13 dei campionati del Mondo in vasca corta.

Canada, campionati del mondo di nuotoSpettacolo e colpi di scena a Windsor, dove Federica Pellegrini che, prima vince l’oro nei 200 stile libero in 1’51″73, miglior prestazione italiana in tessuto e suo miglior tempo mai nuotato dopo il record italiano in “gommato” del 2009 agli europei di Istanbul, e poi trascina la staffetta 4×100 stile libero ad un argento mai vinto prima. Raggiante anche Matteo Giunta che ha raggiunto la Pellegrini in zona mista stringendola in un lungo abbraccio: “non è stato difficile riaccenderla dopo la delusione di Rio, che per noi resta un capitolo chiuso. Dopo il primo allenamento a settembre ci siamo guardati negli occhi e abbiamo deciso di ricominciare forte. Non ci fosse stata quella delusione, Federica magari non sarebbe qui. Della gara dico che ha fatto tutto quello che volevo. L’avevo avvertita di non farsi intimorire dalle prime tre vasche della Hosszu e, di rimanerle attaccata, perchè poi sapevamo che nel finale Fede ne avrebbe avuto di più. Lei ha qualcosa in più delle altre in gara. Diventa un’agonista incredibile. La sua forza è nella testartaggine, perchè quando sono arrabbiato per qualcosa che non va in allenamento la vedo che lei lo è già più di me senza dirle niente. Forse è questo il suo segreto“.