LaPresse/EFE

Kevin Durant non le manda a dire: la stella della Baia ha attaccato duramente l’NBA per il contenuto del report successivo a Cavs-Warriors

LaPresse/REUTERS
LaPresse/REUTERS

Dopo le polemiche successive al finale di Cleveland Cavaliers-Golden State Warriors, terminata con il contatto dubbio fra Jefferson e Durant che ha reso ingiocabile l’ultimo e decisivo pallone per KD, la Lega ha provato a metterci una pezza. L’NBA ha reso noto il classico ‘Last 2 minute Report’, nel quale c’era chiaramente scritto che il contatto negli ultimi secondi era chiaramente fallo di Jefferson. Decisione che sa di beffa e non aiuta di certo a placare le polemiche. Lo stesso Kevin Durant ha attaccato duramente la Lega per aver pubblicato questa decisione, giudicandola ‘utile’ solo a mettere sottopressione gli arbitri.

LaPresse/Reuters
LaPresse/Reuters

Non sono stati gli arbitri a farci perdere la partita, è colpa nostra. Il fatto che l’NBA butti i suoi arbitri in preda alle polemiche in questo modo è ridicolo, sono tutte stron*ate – ha dichiarato Durant – Qual è il senso di rendere pubblica la decisione corretta? E’ stupido, dovremmo passare oltre e basta. Quegli stessi arbitri saranno in campo la prossima partita, e avranno inevitabilmente intorno un’atmosfera più difficile da gestire. Non puoi venir fuori e multarci quando ne critichiamo l’operato, quando poi sei il primo e gettarli in pasto agli sciacalli. Credo che il Report sia una stron*ata e che dovremmo toglierlo di mezzo. I nostri arbitri non si meritano un trattamento del genere”.