Davide Brivio e la rivoluzione in casa Suzuki per la stagione 2017

La stagione 2017 di MotoGp si avvicina sempre più. Tante emozioni e tante sorprese per i fan delle due ruote che assisteranno ad un Mondiale rinnovato. Tanti infatti i cambiamenti per la prossima stagione: il passaggio di Jorge Lorenzo dalla Yamaha alla Ducati ha infatti creato un effetto domino di trasferimenti di piloti che renderà sicuramente la prossima stagione più interessante e appassionante.

davide-brivio-suzukiTempo di rivoluzioni in casa Suzuki che dopo il passaggio di Vinales in Yamaha ha accolto due nuovi piloti, Iannone e Rins: “siamo stati una piccola parte di un processo particolare. Eravamo un nuovo team e a causa di questo movimento di piloti si è liberato un posto in Yamaha. Il nostro pilota, Maverick, ha deciso di cogliere questa opportunità, una cosa che io capisco. Abbiamo sofferto un po’ perchè è avvenuto un po’ troppo presto per noi per mostrare il potenziale del nostro mezzo, eravamo solo al secondo anno del nostro progetto”, ha dichiarato Davide Brivio come riportato da FormulaPassion.

Io credo che la situazione del mercato piloti, che è partito un po’ troppo presto quest’anno, ha costretto tutti a prendere una decisione basata sulle performance del 2015, perchè eravamo in una fase molto precoce della stagione e si poteva giudicare solo su quello che era avvenuto l’anno prima. Se consideriamo che attorno a maggio tutte le decisioni erano state prese, ed eravamo solo alla quinta gara della stagione“, ha aggiunto il team manager della Suzuki.

iannoneQuando Maverick ha deciso di lasciare abbiamo dovuto prendere una decisione e scelto la via di una sfida totalmente nuova. Dovevamo cercare di essere creativi per sfidare i migliori team della MotoGp, così abbiamo deciso di ripartire da zero. C’era la possibilità di farlo con Iannone, una fantastica opportunità per noi perchè lo consideriamo un pilota veramente ottimo, in grado di vincere se riusciremo a dargli un buon pacchetto. Dopodichè abbiamo colto l’occasione di prendere Alex Rins, un pilota di grande talento, giovane, e pensiamo che possa crescere molto. Siamo entusiasti della situazione che si profila per la prossima stagione con questo pacchetto di piloti e non vediamo l’ora di vedere cosa potrà fare Andrea e quanto potrà crescere Alex“, ha concluso.