LaPresse

A tre anni dall’incidente e per l’ennesimo Natale Michael Schumacher si trova in condizioni di salute precarie dopo la discesa di Maribel, ecco le parole dell’amico Stefano Domenicali che è andato a trovarlo

Stefano Domenicali parla di Michael Schumacher – Michael Schumacher era un eroe della Formula Uno prima che il destino gli spezzasse ogni sogno. Perchè nonostante avesse vinto tutto i suoi sogni continuavano ad andare veloce proprio come quelle monoposto di cui sapeva ogni segreto. Uno dei più grandi piloti di Formula Uno di tutti i tempi dopo quella maledetta discesa sugli sci a Maribel si è visto ridotto ad un vegetale ed a condizioni disumane che uno sportivo come lui non avrebbe mai neanche nel peggiore degli incubi pensato di dover affrontare. Accanto a lui la moglie di Schumacher, Corinna e tutta la sua famiglia, hanno passato l’ennesimo Natale senza poter vedere Michael come era un tempo e proprio chi è andato a trovare la famiglia Schumacher oggi parla ai giornali confessando quello che ha visto nell’ultima visita al pilota di Formula Uno.

Stefano Domenicali parla di Michael Schumacher – Stefano Domenicali, ex numero uno della Ferrari, è tra le poche persone che dopo l’incidente è stato invitato a trovare Schumacher. L’esperto della Ferrari ha ammesso, come riporta Libero Quotidiano: “provo ammirazione profonda per Corinna, credo stia facendo qualcosa di straordinario. Forza e coraggio, senza una sola scena. Sono a sua disposizione e ciò significa anche rispettare il silenzio sulla salute di Michael. Quando penso a lui mi viene in mente qualcosa che non riguarda il pilota. Riguarda l’uomo. La sua attenzione per i ragazzi della squadra. C’era da disputare una partita di calcio, ad esempio, e si preoccupava che ogni maglietta riportasse il nome corretto di ciascun meccanico, di ogni tecnico. Voleva che tutto fosse gradevole e divertente per chi lavorava al suo fianco. I veri campioni si riconoscono da particolari nascosti”.