LaPresse/Photo4

Interrogato sul rapporto con il suo compagno di squadra alla Sauber, Marcu Ericsson ha sottolineato di sentirsi migliore di Nasr

Una stagione trascorsa fianco a fianco e conclusa in ottima posizione nella classifica costruttori grazie al nono posto centrato da Nasr in Brasile.

LaPresse/Photo4
LaPresse/Photo4

Sono ottime le risposte raccolte dalla Sauber in questa stagione, utili per decidere quali saranno i piloti in vista della prossima stagione. Marcus Ericsson sembra convinto di una conferma, mentre non conosce quale sarà il futuro del suo compagno: “penso che io e Felipe siamo una buona coppia” le parole di Ericsson riportate da Motorsport.com. “Perché ci siamo spinti l’un l’altro. Anche se credo di essere stato più forte, siamo sempre stati molto vicini. E’ sempre stata una bella lotta tra noi due e ci siamo sempre spinti a vicenda. Abbiamo avuto anche i nostri disaccordi ed i nostri problemi, non c’è dubbio su questo. Ma io continuo a credere che questi due anni insieme siano stati positivi, perché abbiamo saputo spingerci a vicenda. Inoltre siamo riusciti a mettere da parte le cose che sono successe e ad andare avanti, non è che non ci parliamo più. Siamo entrambi abbastanza professionali da mettere da parte il nostro incidente ed andare avanti. Non so cosa succederà l’anno prossimo. Se Felipe rimarrà, sarò felice. E se arriva qualcun altro comunque non sarei dispiaciuto.

LaPresse/Photo4
LaPresse/Photo4

Ora so quello che mi serve dalla vettura per dare il massimo di me stesso. Sono riuscito a crescere molto da questo punto di vista nel corso del weekend. So che la cosa più importante è lavorare con gli ingegneri per rendere in qualifica“.