LaPresse/Photo4

Intervistato dalla rivista Auto Motor und Sport, Bernie Ecclestone ha lanciato una stilettata ai team costruttori di Formula 1

Bernie Ecclestone ne ha per tutti. Gli ultimi a finire nel libro nero del boss della Fom sono gli organizzatori di Gran Premi e i team costruttori, accusati di non aver un briciolo di gratitudine nei confronti di quel circus che li ha resi ricchi e mediaticamente potenti.

LaPresse/Photo4
LaPresse/Photo4

Intervistato da Auto Motor und Sport, Ecclestone si è scagliato in particolare contro Honda, Bmw e Toyota: “potrebbe accadere un giorno che Ferrari e Mercedes lascino il circus, ma se le corse fossero migliori non sarebbe una situazione terribile. I tedeschi si ritireranno quando non gli converrà più restare in Formula 1, esattamente come Honda, Bmw e Toyota che se ne sono andati a lavori completati. Non c’è gratitudine. Lo stesso vale per gli organizzatori del Gp di Singapore, quella città grazie alla Formula 1 è diventata adesso molto più che un semplice scalo aeroportuale. Adesso pensano di aver raggiunto il loro obiettivo e non vogliono più un Gp. Non si fa così“.