F1 - Wolff non chiude la porta all'eventualità che Hamilton possa un giorno finire alla Ferrari - LaPresse/Photo4

Intervistato in esclusiva dalla Gazzetta dello Sport, Toto Wolff ha aperto alla possibilità di concedere un test a Valentino Rossi

Il Natale è ormai alle porte, gli uffici di Brackley piano piano si svuotano dopo un anno davvero duro e faticoso. Le ultime luci che sembrano rimanere accese solo quelle della stanza di Toto Wolff, ancora indaffarato a sbrigare le ultime cose prime di chiudere tutto e passare le feste con la moglie Susie che, ad aprile, lo renderà padre.

LaPresse/Photo4
LaPresse/Photo4

Prima di staccare la spina, però, il team principal della Mercedes ha concesso un’intervista esclusiva alla Gazzetta dello Sport, aprendo addirittura alla possibilità di vedere Valentino Rossi alla guida della monoposto tedesca per un test. Il primo argomento toccato riguarda Bottas, ma Wolff non si sbilancia sul suo futuro: “è troppo presto per dire se sarà il nostro nuovo driver, non abbiamo ancora preso la decisione perché coinvolge più di un pilota e di un team. E dobbiamo avere rispetto per le altre squadre. Valtteri è una possibilità ma sappiamo anche quanto sia importante per la Williams. E’ una situazione delicata che impone di muoversi con cautela per questo abbiamo deciso di prenderci un po’ di tempo. 

LaPresse/Photo4
LaPresse/Photo4

Non sono un idiota. Quando entrai in Daimler 4 anni fa, feci un accordo per cui non posso gestire o avere interessi commerciali con un pilota Mercedes. Il problema non si porrà. Chi parla di conflitto d’interesse è un analfabeta della…F.1“. I nuovi regolamenti potrebbero sconvolgere le gerarchie, Wolff lo sa: “nel 2012 e 2013 noi non eravamo di certo i favoriti, poi col cambio regolamentare siamo diventati vincenti. Può succedere anche alla Ferrari che ha il potenziale e le risorse per tornare competitiva. Hanno puntato sull’italianità del team. Per me un valore aggiunto, non un freno. La Ferrari non ha bisogno di mercenari. Sono convinto che le decisioni assunte da Marchionne e Arrivabene vadano nella decisione giusta“.

LaPresse/EFE
LaPresse/EFE

Da un team italiano ad un… pilota italiano che però gareggia in MotoGp, Wolff però è intrigato dalla possibilità di dare tra le mani a Valentino Rossi la Mercedes: “io sono conscio che la F.1 è anche spettacolo. E a me piacerebbe davvero testare le capacità di Rossi e di Ogier al volante delle nostre macchine. Sì, la mia idea è riuscire ad organizzare una giornata con loro“. Infine, Wolff parla del futuro di Mick Schumacher: “Mick è un grande ragazzo e un eccellente pilota. La sua famiglia ci è nel cuore ma è giusto che si concentri sulla F.3. Se saprà far bene, tanti team gli metteranno gli occhi addosso e ci saranno anche quelli della Mercedes“.