Italpress

Pochi giorni ancora e si alzerà il sipario sulla Dakar 2017, ecco tutto quello che c’è da sapere su questo emozionante evento

Stèphane Peterhansel è ancora l’uomo da battere. “Mr. Dakar” punta al 13esimo titolo (7 nella categoria auto) che lo farebbero decollare in una nuova dimensione. Al volante della Peugeot 3008 DKR, ulteriormente evoluta rispetto alla 2008 con cui ha trionfato a gennaio, parte come favorito.

LaPresse/Reuters
LaPresse/Reuters

Ma il campione in carica conosce bene le regole del gioco e la Dakar potrebbe riservare delle sorprese oltre al fatto che il livello dei piloti al via e’ ancora piu’ alto. Le prime insidie potrebbero arrivare proprio dall’interno del Peugeot Dream Team. Carlos Sainz e’ sicuramente un rivale da non sottovalutare, cosi’ come Cyril Despres e Sébastien Loeb, che lo scorso anno si era aggiudicato il maggior numero di vittorie di tappa nella prima settimana. La Peugeot dovra’ vedersela con un’agguerrita Toyota che schiera 3 piloti gia’ vincitori del rally piu’ massacrante al mondo. Orfana del Principe del Qatar, la Mini schiera comunque una rosa di potenziali vincitori a partire da Mikko Hirvonen, che ha chiuso 4° lo scorso anno al debutto. Non correra’ invece la stella americana Bryce Menzies, fuori per infortunio, mentre puntano al podio il pilota dell’Arabia Saudita Yazeed Al Rajhi (che si trovava 3° nella generale quando fu costretto al ritiro 3 giorni dal termine del rally nel 2015) e Orly” Terranova (5° nel 2013 e 2014).

Lapresse/EFE
Lapresse/EFE

Per quanto riguarda la nuova categoria introdotta alla Dakar quella degli SSV, sara’ molto combattuta la lotta tra gli 8 mezzi al via. Saranno 5 gli equipaggi italiani nella categoria al via di questa Dakar 2017. Con Giulio Verzelletti e Antonio Cabini torna la Pandakar. Gli angeli custodi della Pandakar saranno Paolo Calabria, Loris Calubini e Beppe Fortuna, il Mercedes Unimog in gara, preparato da Orobica Raid Team. Il Team RalliArt di Renato Rickler schiera 2 equipaggi. Gianluca Tassi, primo pilota azzurro diversamente abile ad affrontare la Dakar condividera’ l’abitacolo della sua Ford Raptor con Massimiliano Catarsi e Massimiliano Brufola Casotto. Il secondo equipaggio e’ capitanato dal Campione Europeo Baja e side by side Graziano Scandola, con Giammarco Fossà, come copilota. Tra le due ruote, il team ufficiale Honda, alla quinta partecipazione, presenta al via con tutte le carte in regola per puntare al primo gradino del podio. (ITALPRESS)