Lapresse\FRANCK FAUGERE

Jens Voigt pedalerà 98 volte la salita di Teufelsberg per raggiungere il dislivello del monte Everest

Lapresse/NCY
Lapresse/NCY

Jens Voigt è stato un ottimo ciclista. Nel suo enorme palmares vanta 2 vittorie di tappa al Tour de France e 1 al Giro d’Italia, in totale ha vinto ben 66 gare. In molti ricorderanno il suo bellissimo gesto nel 2006 al Giro d’Italia, quando durante la 19ª tappa, lasciò la vittoria al suo ‘compagno di fuga’ Juan Manuel Garate. In questi anni, il tedesco si è reso spesso protagonista di enormi imprese; come quella ottenuta nel 2014 con la realizzazione del Record dell’Ora, completando la gara in 51,115 km (il record dell’ora è una disciplina del ciclismo su pista dove il corridore gira in un velodromo per ottenere maggiori chilometri nel corso di un’ora).

La sua prossima sfida è la ‘Jensie Everest Challenge‘, evento che si terrà il 2 gennaio. La sfida consiste nel pedalare 98 volte la salita di Teufelsberg per raggiungere il dislivello del monte Everest. Il ricavato di questa sfida sarà devoluto in beneficenza al ‘Tour du Cure‘, struttura che assiste i malati di cancro. “Amo sfidare i miei limiti, mi piace andare oltre per vedere che cosa il mio corpo e la mente sono in grado di fare, – ha dichiarato Voigt come riportato da La Gazzetta dello Sport -. Io pazzo? Mai detto il contrario”.