LaPresse/Claudia Fornari

I Ris di Parma dovranno fare chiarezza sui campioni di urine che, secondo Schwazer, sono stati manomessi dopo il controllo del primo gennaio 2016

Finalmente c’è una data per l’analisi delle urine contaminate di Alex Schwazer. Il laboratorio del Ris di Parma inizierà il faticoso iter il prossimo 17 gennaio, dopo che dal Tribunale di Bolzano verrà conferito l’incarico da parte del GIP Walter Pellino.

LaPresse/Vincenzo Livieri
LaPresse/Vincenzo Livieri

Le parti che riceveranno il compito di analizzare le urine saranno il comandante del Reparto investigazioni scientifiche di Parma e Marco Vincenti, professore del dipartimento di Chimica dell’università di Torino. Il test sul Dna del marciatore altoatesino si completerà nel giro di alcuni giorni, durante i quali i Ris dovranno scoprire se nella provetta del primo gennaio 2016 contenente le urine di Schwazer siano stati inseriti agenti esterni tali da alterare il risultato del test antidoping. Il 17 gennaio, infine, durante l’udienza che si svolgerà a Bolzano verranno chiariti altri aspetti tra cui quello relativo al trasferimento delle urine dal laboratorio accreditato Wada di Colonia, dove si trovano congelate e poste sotto sequestro con rogatoria internazionale della Procura di Bolzano, fino a Parma dove verrà svolta l’analisi del campione da parte dei carabinieri.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE