Una tre giorni intensa quella della ReUniOn che con ‘lo spettacolo dello sport’ caratterizzerà la riunione tra studenti e ex studenti all’Università

Durante la tre giorni di ReUniOn (Bologna, 19-21 giugno), il primo raduno mondiale degli ex studenti dell’Università di Bologna, si parlerà anche di sport e innovazione: sport e spettacolo sono stati catalizzatori dell’innovazione in diverse aree in questi anni, dalle nuove tecnologie ai nuovi prodotti e nuovi processi, al servizio di un numero esponenziale di possibilità, opportunità, scelte.

Se ne parlerà sabato 20 giugno alle 11.00 (Piazza Santo Stefano) nell’ambito dell’incontro Lo spettacolo dello sport: innovare dietro le quinte, con Marco Di Vaio (Bologna Football Club) insieme a personalità del mondo ‘business’ come Stefano Domenicali (Vice President New Business Initiatives Audi AG), Alberto Fraticelli (Head of Marketing and Communication Lotto Sport) e Andrea Zappia (AD Sky Italia).

Sempre sabato 20 giugno alle 10.00 (Piazza Minghetti) si terrà un appuntamento imperdibile per gli appassionati di Formula 1 con l’incontro Terra dei motori: l’ingegneria che corre insieme a Mauro Forghieri, Progettista di auto di F1, Paolo Martinelli, Progettista motori F1 e Resp. Direzione Powertrain Maserati, e l’AD Ducati Motor Holding Claudio Domenicali.

reunionAlle 17.00 di sabato 20 giugno, Ettore Messina, tra gli allenatori italiani di pallacanestro più titolati di tutti i tempi e primo europeo a ricoprire il ruolo di headcoach in NBA, terrà un incontro sulla leadership e l’importanza di un team leader, in squadra come nella vita.
Lo ‘spettacolo dello sport’ continua domenica 21 giugno alle 17.00 ai Giardini Margherita con un derby imperdibile per tutti i ‘cultori’ del basket, insieme alle grandi glorie della pallacanestro come Claudio Coldebella (Virtus) e Corrado Fumagalli (Fortitudo), Alberto Bucci e Renato Villalta.

Cosa è ReUniOn

Sarà un confronto tra chi, formato e partito dalla stessa casa, ha percorso diverse strade e diverse esperienze nel mondo, ma continua a considerare l’Alma Mater luogo di partenza e luogo di ritorno, e pertanto di riflessione sul passato e sul futuro. – spiega il Rettore dell’Università di Bologna Ivano Dionigi – Per questo il benvenuto sarà affidato ai versi di Catullo: ‘Partiti insieme per un lungo viaggio, torniamo a casa per diverse vie’”.

Un’iniziativa che si propone di creare non solo un momento di ritrovo e di festa all’insegna del ricordo e dei ricordi, ma anche un’occasione di riflessione collettiva sulla storia e sulle sfide dell’Alma Mater, quale emblema di tutto ciò che una grande e vitale Università pubblica può apportare al bene del Paese e dei singoli. Oltre 60 appuntamenti dedicati ai diversi saperi e alle diverse discipline animeranno le principali piazze e i luoghi del centro della città felsinea, che per tre giorni si trasforma in un grande palcoscenico pronto ad accogliere i veri protagonisti dell’Università più antica del mondo occidentale, i laureati dell’Alma Mater – compresi quelli insigniti della laurea ad honorem: uomini di cultura, scienza, tecnologia, politica, spettacolo.

Più di 200 gli ospiti confermati che parteciperanno alla manifestazione di giugno per (ri)portare la propria esperienza personale e professionale. ReUniOn sarà una grande ‘festa del sapere e della conoscenza’ ma anche un’occasione unica per le diverse generazioni di ex-studenti dell’Alma Mater per rivivere le emozioni di quegli anni, ritrovare i compagni di corso e di casa, riscoprire i luoghi-chiave della loro vita universitaria: ReUniOn sarà anche l’occasione per costituire l’Associazione degli Alumni dell’Alma Mater, nella convinzione che i laureati dell’Università di Bologna siano i migliori testimoni e ambasciatori dell’Ateneo nel mondo e – perché no? – anche i suoi primi e naturali stakeholder.