Michael Schumacher: tra luci ed ombre, un calvario lungo 9 mesi

michael_schumacherA quasi nove mesi dalla rovinosa caduta con gli sci del 29 dicembre, Michael Schumacher sta per tornare a casa, nella sua grande proprietà svizzera a Gland, sul lago di Ginevra. Dopo oltre mezzo anno in ospedale a Grenoble, l’ex campione della Ferrari da metà giugno si trovava in un Centro ospedaliero di Losanna per cominciare la riabilitazione. Queste le tappe principali della vicenda:

29 dicembre: l’ex pilota cade e batte la testa su una roccia durante una giornata di sci a Meribel, Francia. Riporta un grave trauma cranico. Ricoverato in coma, è operato piu’ volte.

– 30 dicembre: e’ aperto un fascicolo sull’incidente. Il procuratore informa che Schumacher ha “scelto deliberatamente di andare nella zona” della caduta.

– 17 gennaio: le condizioni restano “stabili”, scrive la manager del pluricampione di F1, Sabine Kehm.

– 30 gennaio: la Kehm fa sapere che “i sedativi somministrati a Michael sono in diminuzione per iniziare un processo di risveglio che potrebbe durare a lungo”.

– 6 febbraio: “Schumacher non e’ morto”: l’ospedale di Grenoble smentisce le voci circolate su twitter sul decesso del pilota.

– 17 febbraio: la magistratura chiude l’inchiesta: “Non e’ stata rilevata alcuna infrazione a carico di chicchessia”.

– 12 marzo: la Kehm parla di “piccoli segnali incoraggianti. Siamo e restiamo fiduciosi che Michael si risvegliera'”.

– 4 aprile: Schumacher “ha momenti di coscienza e di veglia”, fa sapere la Kehm.

– 14 giugno: il settimanale tedesco Bunde scrive che Schumacher e’ stato trasferito al reparto riabilitativo dell’ ospedale di Grenoble per prepararlo ad un trasferimento in una clinica specializzata nella riabilitazione.

16 giugno: “Schumacher non e’ piu’ in coma e si appresta a lasciare l’ospedale di Grenoble”, riferisce la portavoce. L’ex pilota è trasferito in ambulanza al centro di riabilitazione dell’ospedale universitario del Vaud a Losanna (Svizzera).

25 giugno: un anonimo offre ai media dati contenuti nella cartella clinica di Schumacher in cambio di 50mila euro.

6 agosto: si impicca in cella a Zurigo un uomo arrestato perche’ sospettato del furto dei dati clinici. Lavorava per la societa’ che aveva trasferito Schumi a Losanna.

3 settembre: Schumacher potrebbe tornare a casa per Natale a circa un anno dall’incidente, annunciano alcuni media tedeschi.

9 settembre: il pilota può tornare a casa. Dopo le voci arriva l’annuncio da parte dell’entourage del pilota, che dovrà sottoporsi alla lunga riabilitazione.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Francesco Gregorace (9968 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 28 maggio del 1987, giornalista pubblicista dall'anno 2017


FotoGallery