Rugby – Italia travolta dagli All Blacks: all’Olimpico la Nuova Zelanda si impone 3-66

  • Alfredo Falcone/LaPresse
ALFREDO FALCONE

    Alfredo Falcone/LaPresse ALFREDO FALCONE

  • Alfredo Falcone/LaPresse
ALFREDO FALCONE

    Alfredo Falcone/LaPresse ALFREDO FALCONE

  • Alfredo Falcone/LaPresse
ALFREDO FALCONE

    Alfredo Falcone/LaPresse ALFREDO FALCONE

  • Alfredo Falcone/LaPresse
ALFREDO FALCONE

    Alfredo Falcone/LaPresse ALFREDO FALCONE

  • Alfredo Falcone/LaPresse
ALFREDO FALCONE

    Alfredo Falcone/LaPresse ALFREDO FALCONE

  • Alfredo Falcone/LaPresse
ALFREDO FALCONE

    Alfredo Falcone/LaPresse ALFREDO FALCONE

  • Alfredo Falcone/LaPresse
ALFREDO FALCONE

    Alfredo Falcone/LaPresse ALFREDO FALCONE

  • Alfredo Falcone/LaPresse
ALFREDO FALCONE

    Alfredo Falcone/LaPresse ALFREDO FALCONE

  • Alfredo Falcone/LaPresse
ALFREDO FALCONE

    Alfredo Falcone/LaPresse ALFREDO FALCONE

  • Alfredo Falcone/LaPresse
ALFREDO FALCONE

    Alfredo Falcone/LaPresse ALFREDO FALCONE

/

Dura, ma prevedibile, sconfitta per l’Italia nell’ultimo dei Cattolica Test Match di novembre 2018: l’Italia si arrende agli straordinari All Blacks

Dopo la vittoria contro la Georgia e il ko contro l’Australia, l’Italia scende in campo per l’ultimo dei Cattolica Test Match di novembre 2018. Davanti ad un Olimpico strapieno, gli azzurri affrontano i mitici All-Blacks. Sfida davvero proibitiva per gli azzurri che nell’ultimo precedente, datato 2016, ha perso 10-68. Anche quest’oggi, sotto la pioggia che si è abbattuta in giornata su Roma, i ragazzi di coach O’Shea sono andati incontro ad una sconfitta tanto dura quanto pronosticabile.

Alfredo Falcone/LaPresse
ALFREDO FALCONE

Italia che va subito sotto dopo la meta all’8’ minuto di Perenara, ma accorcia le distanze con una trasformazione su punizione di Tommaso Allan che infiamma l’Olimpico. Il momento di esaltazione però dura davvero poco. Cinque minuti dopo sale in cattedra il terzetto formato da McKenzie (2 mete) e dai fratelli John Barrett (2 mete) e Beauden Barrett (3 trasformazioni) che portano il punteggio sul 3-31 alla fine del primo tempo.

Alfredo Falcone/LaPresse
ALFREDO FALCONE

Secondo tempo nel quale, purtroppo, il registro non cambia. La prima meta arriva dopo 3 minuti con Laumape, alla quale fa seguito la trasformazione di B. Barrett che 2 minuti dopo va in meta e trasforma ancora, confermandosi un cecchino da fermo. Si toglie la soddisfazione della terza meta della partita McKenzie, alla quale segue la realizzazione di Mo’unga. L’Italia è ormai alle corde e non riesce a far fronte al talento della Nuova Zelanda che nel finale va ancora in meta con John Barrett per due volte (4 mete per lui quest’oggi), con altre due trasformazioni di Mo’unga.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery