Sulle mani il messaggio, nel cuore la dolcezza: sul podio di Gwangju c’è anche… Rikako Ikee

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

/

Anche Rikako Ikee sul podio di Gwangju: MacNeil e colleghe omaggiano la collega giapponese malata di leucemia durante la premiazione dei 100 metri farfalla ai Mondiali 2019

Una seconda giornata ricca di spettacolo con le gare in vasca ai Mondiali di nuoto 2019 di Gwangju. In Corea del Sud è caduta una dea: Sara Sjöström è stata detronizzata dalla giovanissima Margaret MacNeil. La canadese si è aggiudicata la gara iridata dei 100 metri farfalla, battendo la regina svedese, quattro volte campionessa del mondo e oro olimpico a Rio 2016, e l’australiana Emma McKeon, terza classificata.

Una sorpresa clamorosa, che regala alla MacNeil un oro eccezionale. Un trio da applausi, non solo per la prestazione in vasca, ma soprattutto per il bellissimo gesto sul podio. Margaret MacNeil, Sara Sjostrom ed Emma McKeon hanno infatti reso omaggio ad una sfortunata collega durante la premiazione.

Le tre campionesse hanno voluto mandare un dolce saluto alla 19enne Rikako Ikee, giovane stella giapponese del nuoto, che a febbraio ha annunciato di dover combattere con la leucemia. “Never give up Rikako Ikee”, “non arrenderti mai Rikako Ikee”, questa la frase che le atlete hanno deciso di scriversi sulle mani, accompagnata da due teneri cuoricini.

Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 3 votes.
Please wait...
About Rita Caridi (34102 Articles)
Nata a Reggio Calabria il 18 giugno 1990 ama tutti gli sport, con un focus particolare sui motori e la pallacanestro. Scrive su SportFair dal 2015


FotoGallery