Apoteosi Brescia, dopo 8 anni è di nuovo Serie A: promozione aritmetica con due turni d’anticipo

  • Giuseppe Zanardelli/LaPresse

    Giuseppe Zanardelli/LaPresse

  • Giuseppe Zanardelli/LaPresse

    Giuseppe Zanardelli/LaPresse

  • Giuseppe Zanardelli/LaPresse

    Giuseppe Zanardelli/LaPresse

  • Giuseppe Zanardelli/LaPresse

    Giuseppe Zanardelli/LaPresse

  • Giuseppe Zanardelli/LaPresse

    Giuseppe Zanardelli/LaPresse

  • Giuseppe Zanardelli/LaPresse

    Giuseppe Zanardelli/LaPresse

  • Giuseppe Zanardelli/LaPresse

    Giuseppe Zanardelli/LaPresse

  • Giuseppe Zanardelli/LaPresse

    Giuseppe Zanardelli/LaPresse

  • Giuseppe Zanardelli/LaPresse

    Giuseppe Zanardelli/LaPresse

  • Giuseppe Zanardelli/LaPresse

    Giuseppe Zanardelli/LaPresse

/

La formazione di Corini batte l’Ascoli 1-0 e ottiene l’aritmetica promozione in Serie A con due turni di anticipo

Basta un gol di Dessena nel primo tempo del match con l’Ascoli per mandare in Paradiso il Brescia, che torna aritmeticamente in Serie A dopo otto anni.

Giuseppe Zanardelli/LaPresse

Una stagione esaltante, un cammino lungo e complicato nel corso del quale gli ostacoli non sono mancati. Forza e determinazione hanno però fatto la differenza, permettendo agli uomini di Corini di esultare per una promozione raggiunta con due turni di anticipo. Cross di Bisoli, stop e conclusione di Dessena che finisce in rete: il Rigamonti esplode, assaporando una festa che al triplice fischio finale può davvero iniziare. Piangono tutti, di gioia ovviamente. Tra cui anche Alfredo Donnarumma, alla seconda promozione consecutiva dopo quella con l’Empoli ottenuta lo scorso anno: “sono arrivato qui e ho trovato una piazza delusa e ora sono felice di questo risultato. Adesso voglio godermi questo momento“. Felice anche Eugenio Corini: “da calciatore e da allenatore sono emozioni diverse, in questo ruolo c’è una responsabilità differente e quindi la gioia è tanta. È stato un anno difficile per tanti versi, quindi sono felice per i giocatori e per i tifosi. La consapevolezza di poter fare un campionato diverso è arrivata dopo Natale. Oggi voglio lasciare andare le emozioni“.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...
About Ernesto Branca (27300 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 6 ottobre 1989, è un appasionato di sport. Laureato nel 2015 in Giurisprudenza, scrive per SportFair dal 2015.


FotoGallery