Caicedo-Immobile, la Lazio balla sulle… punte: figuraccia Roma nel derby per la Champions

  • Fabrizio Corradetti/LaPresse

    Fabrizio Corradetti/LaPresse

  • Fabrizio Corradetti/LaPresse

    Fabrizio Corradetti/LaPresse

  • Fabrizio Corradetti/LaPresse

    Fabrizio Corradetti/LaPresse

  • LaPresse/AS Roma/Fabio Rossi

    LaPresse/AS Roma/Fabio Rossi

  • Fabrizio Corradetti/LaPresse

    Fabrizio Corradetti/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

  • Fabrizio Corradetti/LaPresse

    Fabrizio Corradetti/LaPresse

  • Luciano Rossi/AS Roma/LaPresse

    Luciano Rossi/AS Roma/LaPresse

  • Fabrizio Corradetti/LaPresse

    Fabrizio Corradetti/LaPresse

  • Fabrizio Corradetti/LaPresse

    Fabrizio Corradetti/LaPresse

  • Fabrizio Corradetti/LaPresse

    Fabrizio Corradetti/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

  • Alfredo Falcone/LaPresse

    Alfredo Falcone/LaPresse

/

La Lazio torna finalmente a vincere il derby con la Roma, ottenendo tre punti fondamentali nella corsa verso la zona Champions

Un derby speciale, una vittoria che mancava dall’aprile del 2017, addirittura dal novembre 2012 in casa. La Lazio si prende tutto in una volta, tre punti fondamentali nella corsa Champions League e un successo esaltante che scaccia via i dubbi sulla condizione dei biancocelesti.

Fabrizio Corradetti/LaPresse

Un 3-0 rotondo, una partita mai in discussione grazie al gol di Caicedo dopo un quarto d’ora e all’uno-due mortifero della ripresa, quando i giallorossi alzano definitivamente bandiera bianca. Un capolavoro di Simone Inzaghi, un pasticcio di Eusebio Di Francesco, sempre più solo al comando di una Roma che non lo rispecchia più. Gioco spento, pochissimi fraseggi e tanto nervosismo, costato nel finale un rosso a Kolarov e un’ammonizione a Dzeko che, diffidato, salterà insieme al serbo il match contro l’Empoli. Gode invece la Lazio, perfetta in ogni zona del campo dall’inizio alla fine, con un Caicedo in giornata di grazie e capace di sbloccare il punteggio con un gol davvero centravanti. Il jolly biancoceleste però non può che essere Correa, imprendibile tra le linee per Fazio e Juan Jesus, apparsi troppo lenti e impacciati per star dietro alle scorribande del Tucu e alle accelerazioni di Luis Alberto. 

Fabrizio Corradetti/LaPresse

L’azione che porta al rigore del 2-0 ne è una prova lampante, con Correa che scappa alle spalle di Fazio per poi essere atterrato in area. Penalty e 2-0 firmato Immobile, prima che Cataldi piazzi il tris definitivo che sotterra la Roma. La Lazio adesso insegue i giallorossi a tre punti di distanza, con una partita però da recuperare. Un eventuale successo contro l’Udinese renderebbe ancora più elettrizzante la corsa per la Champions League.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...
About Ernesto Branca (27354 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 6 ottobre 1989, è un appasionato di sport. Laureato nel 2015 in Giurisprudenza, scrive per SportFair dal 2015.


FotoGallery