Sei Nazioni 2019 – Esordio amaro per l’Italia: Scozia incontenibile, ma nel finale gli azzurri tirano fuori l’orgoglio

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

/

Esordio amaro per l’Italia nel Guinness Sei Nazioni 2019: azzurri sconfitti 33-20 dalla Scozia. Gara dominata dai padroni di casa, nel finale i ragazzi di O’Shea tirano fuori l’orgoglio e accorciano le distanze

La grande attesa per l’esordio si è tramutata in amarezza. L’Italia inizia il suo Guinness Sei Nazioni 2019 con il piede sbagliato, sconfitta per 33-20 a Murrayfield dai padroni di casa della Scozia. Azzurri inferiori sotto il profilo del gioco, come prevedibile, che possono recriminare per qualche assenza pesante (Tebaldi nel pre-partita), ma che sbagliano tanto e soprattutto, non riescono a far fronte all’attacco dei britannici. Dopo appena 3’ la Scozia va subito in meta, ma il TMO salva gli azzurri che poco dopo trasformano un calcio piazzato (Allan) per il 3-0 di vantaggio.

Poi blackout, l’Italia spegne la luce. La Scozia è padrona del campo, alza il ritmo, aumenta la pressione e la retroguardia azzurra viene perforata a più riprese: Kinghorn va in metà al 12’ e si ripete al 21’, Laidlaw trasforma il 12-3 con il quale si chiude il primo tempo.

Nel secondo tempo la musica non cambia. Hogg firma la prima metà al 47’, trasforma Laidlaw subito dopo. Kinghorn buca di nuovo la difesa azzurra al 54’ per la sua ‘tripletta’ personale, Laidlaw è una sentenza da fermo. La meta di Harris e la trasformazione di Russell al 62’ portano il punteggio sul 33-3 e permettono alla Scozia di togliere il piede dall’acceleratore. Ne consegue una reazione d’orgoglio dell’Italia che, complice qualche cambio, ritorna in partita e accorcia le distanze grazie alle mete di Palazzani (seguita dalla trasformazione di Allan), Padovani ed Esposito.

Scozia-Italia 33-20

Scozia: 15 Stuart Hogg, 14 Tommy Seymour, 13 Huw Jones, 12 Sam Johnson, 11 Blair Kinghorn, 10 Finn Russell, 9 Greig Laidlaw, 8 Ryan Wilson, 7 Jamie Ritchie, 6 Sam Skinner, 5 Grant Gilchrist, 4 Ben Toolis, 3 WP Nel, 2 Stuart McInally, 1 Allan Dell

A disposizione: 16 Jake Kerr, 17 Jamie Bhatti, 18 Simon Berghan, 19 Gary Graham, 20 Josh Strauss, 21 Ali Price, 22 Adam Hastings, 23 Chris Harris

Marcatori Scozia

Mete: Kinghorn (11′, 22′, 54′), Hogg (48′), Harris (61′)

Trasformazioni: Laidlaw (22′, 48′, 55′), Russell (62′)

Italia: 15 Jayden Hayward, 14 Angelo Esposito, 13 Luca Morisi, 12 Tommaso Castello, 11 Michele Campagnaro, 10 Tommaso Allan, 9 Guglielmo Palazzani, 8 Sergio Parisse (c), 7 Abraham Steyn, 6 Sebastian Negri, 5 Dean Budd, 4 David Sisi, 3 Simone Ferrari, 2 Leonardo Ghiraldini, 1 Andrea Lovotti

A disposizione: 16 Luca Bigi, 17 Cherif Traorè 18 Tiziano Pasquali, 19 Jimmy Tuivaiti, 20 Federico Ruzza, 21 Tommaso Benvenuti, 22 Ian McKinley, 23 Edoardo Padovani

Marcatori Italia

Mete: Palazzani (70′), Padovani (74′), Esposito (78′)

Trasformazioni: Allan (71′)

Punizioni: Allan (9′)

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
About Mirko Spadaro (15538 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 9 agosto 1993 è un esperto di basket e calcio, ama tutti gli sport a 360 gradi. Scrive su SportFair dal 2016


FotoGallery