Art Basel Miami Beach 2018 – Sanlorenzo partner dell’evento [GALLERY]

/

Sanlorenzo partecipa come partner ad Art Basel Miami Beach 2018: i cantieri presentano l’installazione immersiva di Piero Lissoni in omaggio all’artista Alberto Biasi

Dopo aver partecipato in qualità di partner all’edizione 2018 di Art Basel in Basel, Sanlorenzo, eccellenza della nautica a livello internazionale, riconferma la propria affinità con il mondo dell’arte, prendendo parte al nuovo appuntamento di Art Basel Miami Beach 2018, in programma dal 6 al 9 dicembre.

L’azienda che nel corso degli anni ha spinto sempre più in là i propri confini, abbracciando linguaggi e forme espressive di realtà affini come il design e l’arte, ha infatti recentemente firmato un accordo di global partnership con Art Basel, la fiera d’arte moderna e contemporanea più significativa sulla scena internazionale, per gli appuntamenti annuali di Hong Kong a marzo, Basilea nel mese di giugno e Miami Beach a dicembre.

Il legame tra Sanlorenzo e l’arte trova le proprie radici nella visione innovativa del CEO e Chairman Massimo Perotti che con coraggio ha portato l’azienda a sperimentare, per prima nel proprio ambito, connessioni nuove e inaspettate: l’incontro tra due realtà apparentemente distinte si traduce così in un meccanismo poetico nel quale l’azienda, calata in un diverso contesto, svela ogni volta in modo nuovo il proprio approccio creativo e innovativo, offrendo ai visitatori inaspettati punti di vista sul mondo dello yachting.

In occasione di Art Basel Miami Beach 2018, Sanlorenzo sceglie così di presentarsi all’interno della Collector Lounge omaggiando un altro noto artista italiano, Alberto Biasi, tra i principali esponenti dell’arte ottico cinetica, con una coinvolgente installazione realizzata dall’art director dell’azienda Piero Lissoni in collaborazione con la Galleria Tornabuoni Arte.

Il progetto dell’art director interpreta la poetica delle “Gocce” di Alberto Biasi, parte del ciclo di opere “Rilievi ottico dinamici”, create dalla sovrapposizione di strutture lamellari giocate sull’effetto di cromatismi contrastanti e attivati dal movimento dello spettatore.

La lounge Sanlorenzo è così trasformata in un’installazione luminosa che riproducendo sulle pareti l’opera “Puzzle”, esposta proprio all’interno dello spazio, ne replica e amplifica l’effetto optical concepito dall’artista. L’opera si muove con il visitatore che diventa anche attore, circondandolo e mutando a seconda del suo punto di vista. Esposti in sequenza lungo un lato della lounge, all’interno di teche in vetro, i modellini metallici dei Superyacht Sanlorenzo riflettono i pattern visivi del quadro modificandosi e muovendosi con lui in un dinamismo percettivo ed emotivo, come viene raccontato nelle parole dell’artista:

“Nei miei quadri sia le forme sia il movimento appaiono non perché reali ma esclusivamente in conseguenza del nostro modo di percepire. Le forme e il movimento sono pure apparenze create da chi guarda l’opera.

È quanto accade nella serie “Gocce”: la magia dei cerchi, pazientemente evocati sulla doppia struttura diversificata nei giochi percettivi fra fondo e superficie, in base ai ritmi delle lamelle prende a muoversi, a chiamare in presenza nuovi cerchi d’ombra che, con il tuo spostarti, si dinamizzano, salgono e scendono in relazione al tuo movimento a sinistra o a destra, oppure camminano orizzontalmente.

Quest’opera che vive e si muove con te suscita uno stupore che mi ricorda alcuni momenti della mia esperienza con la natura, momenti contemplativi che mi hanno affascinato: una goccia cadeva sulla quieta distesa di uno stagno? Oppure una minuscola bolla gassosa affiorava in superficie? Qualunque fosse la causa, i miei occhi si concentravano sull’increspatura liquida e sulla riflessione luminosa: la mia mente vedeva lo scaturire del cerchio, il suo espandersi e lo scomparire…”. (Alberto Biasi)

L’installazione di Piero Lissoni mostra così ancora una volta la relazione tra Sanlorenzo e l’arte e la capacità del linguaggio artistico di raccontare l’azienda secondo nuove prospettive: l’apice dell’esperienza, artigianalità e innovazione di Sanlorenzo prendono qui forma nei modelli di superyacht esposti come opere d’arte che cambiano con l’opera di Alberto Biasi svelando ad ogni sguardo dettagli e aspetti diversi.

Ogni esemplare è l’esito di un progetto a 360 gradi trasversale e innovativo, in cui l’ideazione dello scafo, forgiato dal metallo come un’opera d’arte, va di pari passo con la progettazione degli interni, creazione sartoriale firmata da noti architetti e personalizzata in ogni più piccolo dettaglio per ottenere ogni volta l’effetto desiderato. Un progetto nel quale cura e eleganza dei particolari incontrano comfort abitativo e ottimizzazione degli spazi e in cui emerge un forte senso di coerenza ed unione, grazie ad un’attenzione scrupolosa per illuminazione, arredi, accessori e materiali, come parte di una regia complessiva. Un approccio che punta alla massima qualità e che si rivolge ad una clientela sofisticata, appassionata ed esperta che ama il mare.

La partecipazione ad Art Basel si inserisce in un percorso coerente che ha visto l’azienda collaborare, nel corso degli anni, con importanti Gallerie e istituzioni culturali come La Triennale di Milano durante il FuoriSalone 2017 e 2018 presentando le installazioni “Sanlorenzo: Il mare a Milano” e “Il mare a Milano: Yachtville” e con Tornabuoni Arte con cui ha organizzato, in concomitanza con Art Basel Miami Beach nel 2016 e della 57° Biennale D’Arte a Venezia delle esposizioni a bordo di propri yacht dedicate al Monocromo Italiano e ad Alighiero Boetti e infine l’installazione presentata ad Art Basel in Basel 2018 in omaggio ad Emilio Isgrò. Iniziative che stanno contribuendo a far respirare aria nuova a un mondo spesso inspiegabilmente scollegato dalle raffinatezze linguistiche del nostro tempo.

In concomitanza con la partecipazione ad Art Basel Miami Beach, il 4 dicembre alle ore 10.00, Sanlorenzo prende parte alla presentazione del volume “Interni Icon Architects 2018” che si terrà presso l’Istituto Marangoni di Miami. Concepito dalla rivista italiana di design e architettura Interni, la raccolta “Icon Architects 2018” sarà dedicata agli architetti italiani e internazionali che oltre ad avere progettato prestigiosi edifici nel mondo, hanno declinato il loro segno alla scala dell’oggetto, firmando alcuni dei prodotti e progetti più rappresentativi del design italiano. Massimo Perotti e Piero Lissoni interverranno nel corso della conferenza raccontando il ruolo chiave che ha avuto per Sanlorenzo la collaborazione con alcuni dei principali designer e architetti contemporanei.

Il 5 dicembre dalle ore 18 alle 21, Sanlorenzo prenderà inoltre parte all’evento “Floating stone” organizzato da Citco, tra i principali brand al mondo nella lavorazione del marmo, all’interno dello showroom monomarca dell’azienda a Miami. Un video proiettato nel corso della serata, racconterà Sanlorenzo e i suoi ultimi prodotti, accompagnando la presentazione delle più recenti collezioni Citco.

Fondati nel 1958, i cantieri navali Sanlorenzo, producono da 60 anni motoryacht di altissima qualità, frutto dell’incontro tra cura artigianale, design e avanzate tecnologie.

Grazie alla gestione del Cavalier Massimo Perotti, Chairman e Ceo, il cantiere ha conosciuto una straordinaria crescita, innalzando il fatturato dai 40 milioni di euro del 2005 ai 300 milioni del 2017, pur conservando la sua totale vocazione alla completa customizzazione dei prodotti. In 60 anni Sanlorenzo ha infatti costruito oltre 900 yacht ognuno diverso dall’altro poiché adattato alle specifiche richieste della committenza.

Oggi l’azienda può contare su quattro siti produttivi: La Spezia, recentemente acquisito e dedicato alla produzione di Superyacht, Ameglia per la produzione di yacht di media e grande dimensione, Viareggio, dedicato alla produzione di yacht superiori ai 100 piedi in vetroresina e infine Massa, il nuovo centro per lo studio e sviluppo dei nuovi modelli.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery