Strade Bianche – Numero pazzesco di Benoot! Il belga sotto la pioggia vince la classica italiana [FOTO]

  • Massimo Paolone/LaPresse

    Massimo Paolone/LaPresse

  • Massimo Paolone/LaPresse

    Massimo Paolone/LaPresse

  • Massimo Paolone/LaPresse

    Massimo Paolone/LaPresse

  • Massimo Paolone/LaPresse

    Massimo Paolone/LaPresse

  • Massimo Paolone/LaPresse

    Massimo Paolone/LaPresse

  • LaPresse

    LaPresse

  • LaPresse

    LaPresse

  • LaPresse

    LaPresse

  • LaPresse

    LaPresse

  • LaPresse

    LaPresse

  • LaPresse

    LaPresse

  • LaPresse

    LaPresse

  • LaPresse

    LaPresse

  • Massimo Paolone/LaPresse

    Massimo Paolone/LaPresse

  • Massimo Paolone/LaPresse

    Massimo Paolone/LaPresse

  • Massimo Paolone/LaPresse

    Massimo Paolone/LaPresse

  • Massimo Paolone/LaPresse

    Massimo Paolone/LaPresse

  • Strade Bianche 2018 - Gara donne

    Strade Bianche 2018 - Gara donne

  • Strade Bianche 2018 - Gara donne

    Strade Bianche 2018 - Gara donne

  • Strade Bianche 2018 - Gara donne

    Strade Bianche 2018 - Gara donne

  • Strade Bianche 2018 - Gara donne

    Strade Bianche 2018 - Gara donne

  • Strade Bianche 2018 - Gara donne

    Strade Bianche 2018 - Gara donne

  • Massimo Paolone/LaPresse

    Massimo Paolone/LaPresse

/

Tjesj Benoot vince la Strade Bianche grazie ad un attacco pazzesco nell’ultimo settore. Secondo posto per Romain Bardet e terzo per Wout Van Aert

Tjesj Benoot della Lotto Soudal ha dominato l’ultimo settore della Strade Bianche e ha tagliato per primo il traguardo in solitaria. Un attacco pazzesco questo del corridore belga che ha staccato Romain Bardet dell’Ag2R La Mondiale e Wout Van Aert della Veranda’s Willems-Crelan negli ultimi chilometri dalla classica. Il ciclista belga al debutto in questa corsa ha sbalordito tutti: il ciclocrossista campione del mondo in carica ha realizzato una prova da 10 e lode. Male la BMC: la squadra americana aveva tutte le carte in regola per poter centrare almeno il podio della Strade Bianche con Alberto Bettiol, con Damiano Caruso e soprattutto con Greg Van Avermaert, ma clamorosamente i tre corridori non sono riusciti ad entrare nella fuga. Una brutta battuta d’arresto per il belga che potrebbe diventare un serio campanello d’allarme in vista delle classiche in Belgio. Bocciati anche Peter Sagan della Bora Hansgrohe e Philippe Gilbert della Quick Step Floors: i due corridori non sono riusciti a recuperare lo svantaggio si sono piantati dietro i fuggitivi. Nulla da fare per il Team Sky: nessun ciclista ha cercato un attacco o una fuga.

Ordine d’arrivo Strade Bianche

1 Tiesj Benoot (Bel) Lotto Soudal 5h03’33”;
2 Romain Bardet (Fra) AG2R La Mondiale +39″;
3 Wout Van Aert (Bel) Veranda’s Willems Crelan +58″;
4 Alejandro Valverde (Spa) Movistar Team +1’25”;
5 Giovanni Visconti (Ita) Bahrain-Merida +1’27”;
6 Robert Power (Aus) Mitchelton-Scott +1’29”;
7 Zdenek Stybar (Cze) Quick-Step Floors +1’42”;
8 Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe +2’08”;
9 Pieter Serry (Bel) Quick-Step Floors +2’11”;
10 Gregor Mühlberger (Aut) Bora-Hansgrohe +2’18”.

Valuta questo articolo

Nessun voto.
Please wait...


FotoGallery