Olimpiadi Pyeongchang 2018: Sergio Mattarella consegna il Tricolore agli azzurri [FOTO]

  • Ufficio Stampa Quirinale/Paolo G

    Ufficio Stampa Quirinale/Paolo G

  • Ufficio Stampa Quirinale/Frances

    Ufficio Stampa Quirinale/Frances

  • Ufficio Stampa Quirinale/Paolo G

    Ufficio Stampa Quirinale/Paolo G

  • Ufficio Stampa Quirinale/Frances

    Ufficio Stampa Quirinale/Frances

  • LaPresse/Vincenzo Livieri

    LaPresse/Vincenzo Livieri

  • Ufficio Stampa Quirinale/Frances

    Ufficio Stampa Quirinale/Frances

  • Ufficio Stampa Quirinale/Frances

    Ufficio Stampa Quirinale/Frances

  • Ufficio Stampa Quirinale/Frances

    Ufficio Stampa Quirinale/Frances

  • Ufficio Stampa Quirinale/Frances

    Ufficio Stampa Quirinale/Frances

  • Ufficio Stampa Quirinale/Paolo G

    Ufficio Stampa Quirinale/Paolo G

  • Ufficio Stampa Quirinale/Frances

    Ufficio Stampa Quirinale/Frances

  • LaPresse/Vincenzo Livieri

    LaPresse/Vincenzo Livieri

  • LaPresse/Vincenzo Livieri

    LaPresse/Vincenzo Livieri

  • LaPresse/Vincenzo Livieri

    LaPresse/Vincenzo Livieri

/

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, consegna il Tricolore alla pattinatrice Arianna Fontana e l’hockeista paralimpico Florian Planker

Il Presidente Mattarella consegna la Bandiera agli atleti in partenza per i Giochi Olimpici

Ufficio Stampa Quirinale/Frances

Mattinata di sole ma fredda, quasi ad anticipare il clima che si troverà, dal 9 al 25 febbraio prossimi, in Corea del Sud. I Giochi Invernali di Pyeongchang sono ormai alle porte e il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha salutato una nutrita delegazione degli azzurri che inseguiranno il sogno a cinque cerchi, consegnando ai due portabandiera, la pattinatrice Arianna Fontana e l’hockeista paralimpico Florian Planker, quel tricolore che si spera svetti sopra i podi il più possibile.

“Non si arriva facilmente ai Giochi Olimpici e Paralimpici, voi tutti avete fatto un lungo percorso, impegnativo e faticoso – ha detto il Capo dello Stato rivolgendosi agli atleti presenti al Quirinale – Dunque complimenti per essere stati selezionati. Ora andrete a perseguire delle medaglie che servono più che a superare gli avversari, a superare se stessi, a porsi sempre nuovi traguardi. Ricordate che dietro questa Bandiera c’e’ l’intero Paese ad accompagnarvi e sostenervi. Con voi verrà tutta l’Italia e noi tutti cercheremo di seguire le vostre gare, anche con il fuso orario sfavorevole“.

“Mai avuto una rappresentanza così importante, ad eccezione di Torino – ha ricordato il presidente del Coni, Giovanni Malagò – Oggi su 15 sport, in 14 abbiamo ottenuto il pass con lavoro e sacrificio“. Poi, rivolgendosi direttamente a Mattarella:

“lei è il nostro primo tifoso, riconosco una competenza e sensibilità straordinarie, faremo una bella Olimpiade anche per lei. Noi ci impegniamo, signor Presidente, ad andare in Corea per disputare un’Olimpiade da protagonisti. La dimostrazione dell’affetto e della stima che lei nutre nei nostri confronti e’ sicuramente uno sprone e un incentivo a dare sempre di più in ogni circostanza”.

Arianna Fontana sarà la prima a sfilare nella cerimonia di apertura:

a ricevere da lei il nostro amato Tricolore abbiamo portato uno dei simboli dello sport italiano che, nonostante la sua giovane età, ha saputo raccogliere successi e affermazioni nelle ultime tre edizioni olimpiche. Una campionessa seria, professionale, dal carattere deciso ma anche di grande umanità. Un’atleta corretta e allo stesso pronta ad un sorriso“.

Il Presidente Mattarella consegna la Bandiera agli atleti in partenza per i Giochi Olimpici

Ufficio Stampa Quirinale/Frances

In Corea probabilmente troverete un momento di difficoltà, dove tutto potrà sembrare perso e finito – le parole del ministro per lo sport, Luca Lotti – Mi auguro che possiate ritrovare energie per arrivare a un traguardo inaspettato pensando ai nostri campioni del passato come Zeno Colò, la prima medaglia d’oro olimpica invernale della nostra storia. Dietro alle bandiere c’è tutto il Paese. Respirate, non vi preoccupate: siete già dentro allo storia. Pensate ai giganti del passato e affrontate l’ultimo passo“. “Ho pensato a quattro parole chiave per sciogliere la forte emozione che mi provocano momenti come questo: riconoscenza, gratitudine, orgoglio e passione – ha sottolineato il presidente del Cip, Luca Pancalli, rivolgendosi a Mattarella Grazie Presidente perché non ci ha fatto mai mancare la sua vicinanza e partecipazione, per il sostegno al nostro movimento. Questa di oggi è l’istantanea più bella di un Paese che si racconta attraverso lo sport e la piena inclusione. Questo Tricolore che riceviamo dalle sue mani è simbolo dell’unità nazionale e dell’orgoglio del nostro Paese“.

Abbiamo scelto Florian perché lo portasse a PyeongChang perché è alla sua sesta paralimpiade, e perché è stato un vero protagonista prima sulle piste innevate con lo sci alpino, ora sul ghiaccio del para ice hockey. Florian e ciascuno dei nostri formidabili atleti dimostreranno di essere un esempio di coraggio e perseveranza per tutti, perché animati da grande passione per ciò che fanno. Mi auguro che questa immagine di un’unica squadra, olimpica e paralimpica, possa rappresentare un piccolo passo di crescita culturale per l’intero Paese“.

Il Presidente Mattarella consegna la Bandiera agli atleti in partenza per i Giochi Olimpici

Ufficio Stampa Quirinale/Frances

Vi ringrazio per questo incarico. Sarà la mia sesta edizione e non nascondo l’emozione che c’e’ sempre stata – ha ammesso Planker – Grazie al presidente Pancalli che ha fatto tantissimo per noi. Speriamo che il tricolore sventoli spesso sul podio anche a Pyeongchang e che questa Bandiera porti fortuna alla mia squadra, perche’ dobbiamo fare qualcosa di più che in passato“.

“Il giorno che entrerò nello stadio a Pyeonchang potrete vedere tre diversi aspetti di Arianna Fontana: l’Arianna bambina quando ho scoperto la mia passione per lo sport, l’Arianna quindicenne che ha intravisto una via per avere successo nello sport e l’Arianna donna, pronta per affrontare ogni sfida e fare qualcosa per il nostro Paese – ha concluso la fuoriclasse dello short track azzurro, vincitrice in carriera di un argento e quattro bronzi olimpici – Questo è un giorno incredibile per me, per le emozioni, l’onore e l’orgoglio di ricevere questa bandiera. Credo valga lo stesso per le persone che mi sono state vicine: immagino che mia mamma si starà per mettere a piangere…”. (ITALPRESS).

FotoGallery